La Bce portera i tassi in negativo

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

La Bce porterà i tassi in negativo

Secondo gli ultimi commenti della Banca Centrale Europea, tra le varie possibilità a disposizione ci sarebbe anche quelle di fare virare in negativo i tassi di interesse. >Conviene investire in opzioni binarie in caso di deflazione?

Applicare tassi negativi significa chiedere alle banche commerciali di pagare per poter effettuare depositi overnight della liquidità in eccesso presso la BCE anziché farli circolare tra gli istituti commerciali e quindi andare a formare una massa monetaria che potrebbe essere utilizzata per effettuare prestiti ad imprese ed a privati dichiara Matteo Paganini di DailyFX. Il rischio è che, data la situazione di sfiducia che si sta trascinando da tempo, il denaro continui comunque ad essere prestato con il contagocce per la paura di non rivederlo restituito e, l’eventuale liquidità in eccesso, potrebbe essere veicolata verso altri tipi di impieghi.

Siamo comunque convinti che tagliare i tassi sui depositi rappresenti una decisione corretta, seppur potenzialmente poco efficace allo stato dell’arte attuale, alla quale dovrebbe essere unita l’idea di spostare il tasso centrale del corridoio dallo 0.25% ad una forchetta che potremmo definire americana, tra lo 0% e lo 0.25% non potendo, la BCE, effettuare operazioni di QE (anche se gli LTRO a tre mesi forniscono denaro a tassi bassi alle banche, che comunque non sono obbligate, come dovrebbero essere almeno in parte, a concedere credito alle imprese). Se non esistessero le questioni di potere, anche dei semplici economisti potrebbero essere in grado di sistemare le annosi questioni relative ad euro e crisi nel giro di pochi mesi, ma questa è un’altra storia.

Come siamo arrivati ai tassi negativi dei titoli di Stato

Il fiume di liquidità fornito quasi gratuitamente dalle banche centrali non è andato a sostenere gli investimenti e la crescita, ma è stato diretto verso i mercati e la speculazione, inflazionando i prezzi delle attività finanziarie e alimentando la bolla speculativa. Come fare per impedirlo?

Recentemente il controvalore dei titoli di Stato con rendimenti negativi ha raggiunto la ragguardevole cifra di 17.000 miliardi di dollari, corrispondenti a circa un quarto del totale in circolazione. Sono negativi i tassi applicati a gran parte dei titoli emessi dalla Svizzera, dal Giappone, dalla Germania, dalla Francia, dall’Olanda e da altri Paesi europei. Se poi si fa riferimento ai tassi reali, al netto dell’inflazione, il fenomeno assume dimensioni inusitate.

Appare lecito chiedersi quali siano le ragioni per cui gli investitori sono disposti a pagare per avere il privilegio di prestare i propri soldi a questi emittenti. Chi si occupa di finanza proverà a spiegare che nella costruzione di un portafoglio di investimenti è importante assicurare un’adeguata diversificazione attraverso un mix di attività i cui rendimenti siano decorrelati e che quindi non si muovano tutti contestualmente nella stessa direzione. Ha quindi senso investire in titoli considerati “sicuri” e che in caso di una crisi dei mercati siano in grado di controbilanciare le perdite sugli altri titoli in portafoglio.

Che vuol dire se il tasso dei Bund a 30 anni scende per la prima volta sotto zero

In altri termini, questi titoli sarebbero considerati, al pari di altre attività come l’oro che non produce interessi, dei “beni rifugio” per acquisire i quali si è disposti anche a pagare una sorta di premio assicurativo, rappresentato dal rendimento negativo.

Questa spiegazione non convince del tutto. E’ difficile infatti considerare “beni rifugio” tutti i titoli che oggi mostrano tassi negativi e inoltre il fenomeno si inquadra in un più ampio contesto di significativa contrazione dei rendimenti di tutta la filiera internazionale dei titoli obbligazionari. Solo per fare un esempio, i tassi applicati ai titoli decennali emessi dagli Stati Uniti sono passati nell’ultimo semestre dal 3% all’1,6%.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Per comprendere il processo in corso nei mercati finanziari appare quindi senz’altro più utile fare riferimento ai fattori che lo hanno innescato. Su questi non sembrano esservi dubbi: la correzione dei mercati ha preso avvio quando le principali banche centrali (FED e BCE) hanno lasciato intendere di essere pronte a sospendere e invertire il processo di “normalizzazione” della politica monetaria avviato qualche anno fa. Ma per inquadrare meglio la successione degli eventi è opportuno fare un passo indietro, ricostruendo le misure adottate dalle banche centrali prima e dopo la crisi del 2008.

La Bce è la nuova Fed (e viceversa). Lo dicono le minute

Come tutte le crisi finanziarie, anche quella del 2008 è stata una crisi di liquidità. Le bolle si formano sui mercati con la stessa dinamica di uno “schema Ponzi”: esse continuano a gonfiarsi finché c’è qualcuno disposto a entrare nel gioco investendo la propria liquidità. Quando questo afflusso di liquidità cessa, il castello crolla e tutti cercano di uscirne fuori facendo precipitare i prezzi delle attività finanziarie e/o immobiliari.

La bolla scoppiata nel 2008 si era gonfiata lungo un ventennio più o meno corrispondente al periodo in cui Alan Greenspan è stato Presidente della FED. Nel ’96 egli attribuì a una “esuberanza irrazionale” la crescita esponenziale delle quotazioni, salvo poi cominciare anche lui a non escludere che forse “questa volta era differente” e che l’aumento della produttività consentito dall’informatica poteva giustificare in qualche modo un aumento costante dei prezzi delle attività finanziarie, in particolare dei corsi azionari.

Fatto sta che, quando a cavallo fra il ’99 e il 2000 l’inflazione statunitense ebbe una recrudescenza, la FED non ebbe remore ad abbandonare la politica monetaria accomodante adottata per tutto il decennio precedente e alzò il tasso di rifinanziamento fino al 6,5%. Il conseguente restringimento della condizioni di liquidità innescò pressoché immediatamente lo scoppio della bolla delle cosiddette “dotcom”, cioè di quelle società informatiche che dovevano alimentare la produttività e sostenere le quotazioni.

A posteriori, si potrebbe discettare se non sarebbe stato più saggio consentire alla bolla di sgonfiarsi, nonostante i danni collaterali all’economia reale che ciò avrebbe comportato. Probabilmente, infatti, questi danni sarebbero stati nettamente inferiori a quelli patiti dopo il 2008 e inoltre sarebbe stata l’occasione per ridiscutere le controverse misure di deregolamentazione del sistema creditizio e dei mercati finanziari assunte negli anni ’80 e ’90, che avevano sicuramente facilitato l’insorgere e lo sviluppo della bolla.

La decisione della FED fu comunque diversa e fu quella di riaprire celermente i rubinetti della liquidità per consentire un recupero dei mercati. Con una successione ininterrotta di tagli, i tassi di rifinanziamento della FED furono portati in un biennio all’1% e la giostra poté così ripartire, questa volta estendendosi al settore immobiliare. Fu a seguito di queste misure che fu coniato il termine “Greenspan put” (con riferimento a un contratto finanziario con cui ci si copre da eventuali perdite future) per indicare la polizza assicurativa che egli stava fornendo ai mercati.

La Bce è la nuova Fed (e viceversa). Lo dicono le minute

Greenspan lasciò la FED nel 2006 e poté così dedicarsi a studi e conferenze milionarie, consegnando la patata bollente della gestione della futura crisi al suo successore Ben Bernanke. Questi era ben consapevole dell’anomala euforia dei mercati che egli riconduceva a un fenomeno di “saving glut”, vale a dire un eccesso di risparmio e di capitali rispetto alle occasioni di investimento, che causava una crescita delle quotazioni azionarie e contribuiva a tenere bassi i tassi di mercato. Probabilmente, egli non aveva tuttavia contezza delle dimensioni raggiunte dal “mostro” e della magnitudo del terremoto che era in grado di sprigionare.

Solo quando fu deciso di lasciare fallire la Lehman Brothers il 16 settembre 2008, divenne subito e drammaticamente chiaro il livello di interdipendenza che ormai legava a livello planetario il sistema finanziario. Nei giorni immediatamente successivi al fallimento di Lehman il sistema dei pagamenti internazionale rischiò di collassare, mentre il contagio della crisi si allargò rapidamente colpendo, non solo in USA, altri istituti finanziari e poi estendendosi come una metastasi al settore reale.

La risposta delle autorità statunitensi fu di dimensioni straordinarie. Furono generosamente ricapitalizzati tutti i principali istituti creditizi del Paese nonché le banche d’affari (quali Morgan Stanley e Goldman Sachs) le quali solo recentemente erano entrate nell’olimpo finanziario cavalcando la bolla. Diverse importanti aziende americane, fra cui in particolare quelle del settore automobilistico, furono sostanzialmente nazionalizzate. Infine la FED prima ricondusse rapidamente il tasso di rifinanziamento dal 5,5%, cui era stato portato nel giugno 2006, allo 0,25% e poi intraprese una serie di acquisti di attività finanziarie (titoli di stato, mutui e prodotti derivati) per un totale di oltre 3.500 miliardi di dollari (il cosiddetto “quantitative easing”).

Di fronte alla drammaticità della crisi, pertanto, le autorità americane (e, come vedremo, anche quelle europee) non ebbero dubbi su chi, fra creditori e debitori dovesse essere tutelato: il mantra adottato fu che bisognava guarire Wall Street per salvare Main Street. Successe così che proprio quel sistema finanziario che dagli anni ’90 si era battuto con successo per ridurre l’intervento pubblico sul settore attraverso un’ampia deregolamentazione chiedeva ora a gran voce, e otteneva, la mobilitazione di tutte le risorse dello Stato a proprio favore.

La cosa più scandalosa fu che nessun pagò per quanto accaduto: le autorità pubbliche che avevano avallato una sciagurata deregolamentazione del sistema finanziario; gli accademici che avevano decantato le virtù del liberismo e dell’arretramento dello Stato nell’economia; la variegata fauna degli esponenti della finanza che si erano spudoratamente arricchiti alimentando la bolla; le società di rating che avevano attribuito la tripla A (equivalente all’assenza di rischio) alle tranche superiori dei mutui subprime cartolarizzati. Tutti restarono al loro posto e, dopo il salvataggio operato dai bistrattati Stati, poterono continuare a predicare e ad arricchirsi, gonfiando ulteriormente la bolla.

Come sappiamo, Wall Street fu salvata, ma Main Street continuò a soffrire e poi scatenò la sua rabbia nelle cabine elettorali dando vita al movimento “populista” che ha portato all’elezione di Trump.

Anche la risposta dei Paesi europei avrebbe segnato gli sviluppi politici di cui oggi siamo testimoni. La Germania si oppose sin da subito a un intervento comune di salvataggio condotto dall’Unione Europea. Assumendo una posizione che manterrà negli anni a seguire (vedi gestione della crisi greca), essa escluse che i propri contribuenti fossero chiamati a pagare per il salvataggio di altri Paesi. Inizialmente, Angela Merkel riteneva che la crisi sarebbe rimasta confinata nei Paesi anglosassoni dove si era originata, coltivando un’inconfessabile “shadenfreuden”. Quando però si rese conto che anche le banche tedesche erano pesantemente coinvolte, acconsentì a una sospensione della normativa che vietava gli aiuti di Stato, permettendo così ai singoli Stati di intervenire in soccorso delle proprie banche. Il governo tedesco impegnò 250 miliardi in questi salvataggi.

A sua volta, la risposta della BCE, sotto la guida dell’allora Presidente Jean Claude Trichet, fu inizialmente tiepida. Dopo aver ricondotto il tasso di rifinanziamento all’1% dal 4,25%, dove era stato portato nel luglio 2008 (!), inopinatamente lo rialzo all’1,5% nel primo semestre del 2020, probabilmente accelerando la crisi finanziaria del nostro Paese.

Fortuna volle che nel novembre 2020 Mario Draghi successe a Trichet e subito si impegnò per un ammorbidimento delle condizioni monetarie. Non fu un’impresa facile, per l’opposizione di altre membri del Consiglio Direttivo della BCE, come dimostrato dalle dimissioni polemiche del rappresentante tedesco nel board. Solo nel 2020, ed in contraccambio dell’introduzione delle controverse regole del fiscal compact, Draghi riuscì a far decollare il quantitative easing europeo e solo nel 2020 il tasso di rifinanziamento fu portato allo 0% e quello sui depositi bancari presso la BCE al -0,4%, livelli che mantengono ancora oggi.

Il quantitative easing europeo terminò nel dicembre 2020 e nello stesso mese la Fed, proseguendo nel difficile e contrastato processo di normalizzazione della politica monetaria avviato tre anni prima, aumentava il tasso di rifinanziamento al 2,5%. La risposta dei mercati, ormai completamente dipendenti dalla droga della liquidità delle banche centrali, fu estremamente negativa, con un significativo calo dei corsi azionari e un aumento generalizzato dei rendimenti obbligazionari.

Il resto è storia recente. La pressione dei mercati, aggravata dall’inedito contenzioso valutario fra gli USA e l’Europa, hanno indotto prima la FED e poi la BCE a tornare sui propri passi dichiarandosi disponibili a un nuovo allentamento delle condizioni monetarie. Tanto è bastato perché i mercati, con nuova droga nelle vene, rimbalzassero celermente, con un aumento generalizzato dei corsi azionari e soprattutto di quelli obbligazionari. Ricordiamo a quest’ultimo proposito che il valore di un bond è legato inversamente a quello dei tassi di mercato. Se questi scendono, sale il valore dei titoli obbligazionari già in circolazione.

Il mistero dei tassi negativi trova così una risposta nella dinamica della bolla in corso. Così come si è disposti ad acquistare un titolo azionario a un prezzo esorbitante rispetto ai suoi fondamentali nella speranza di rivenderlo a un prezzo ancora maggiore, allo stesso modo chi acquista un bond con rendimento negativo non lo fa con l’intenzione di tenerlo fino a scadenza, ma con quella di guadagnare da una sua futura cessione a un prezzo maggiorato. Chi avesse comprato bund tedeschi un mese fa, quando esibivano un tasso negativo dello 0,20%, oggi con i tassi a – 0,70% potrebbe rivenderli con un significativo guadagno. Naturalmente, il gioco funziona finché vi sono nuovi flussi di liquidità disponibili a parteciparvi. Per una legge fisica, prima o poi le bolle scoppiano.

Come giudicare l’operato delle banche centrali in questo contesto? Ovviamente, non rientra nei loro compiti fornire la benzina per alimentare le bolle e sicuramente non era questo l’obiettivo che si proponevano con le misure adottate. L’obiettivo era invece quello di stabilizzare il sistema finanziario, consentendogli di veicolare la liquidità ricevuta verso attività produttive, finanziando gli investimenti delle imprese e rilanciando l’economia reale.

Questo obiettivo è fallito, ma sarebbe errato attribuirne la colpa alle banche centrali. Il problema è che, come ha dimostrato l’ormai quasi trentennale crisi giapponese, lo scoppio di una bolla creditizia determina un fenomeno di “deleveraging”, in cui non c’è istituzione, impresa o famiglia che non dia corso a un processo di contenimento dei costi e di razionalizzazione delle spese. In questa situazione, cui si accompagna un abbattimento strutturale della domanda delle famiglie, le imprese non hanno alcun interesse a indebitarsi ulteriormente per effettuare nuovi investimenti. A loro volta gli Stati, anch’essi impegnati a contenere il debito pregresso, non sono in grado di effettuare manovre espansive, supplendo alla carenza di investimenti privati.

E’ successo così che il fiume di liquidità fornito pressoché gratuitamente dalle banche centrali non siano andati a sostenere gli investimenti e la crescita, ma si siano invece diretti verso i mercati e la speculazione, inflazionando i prezzi delle attività finanziarie e alimentando la bolla.

Per spezzare questo circolo vizioso occorrono idee e strumenti innovativi. Le banche centrali ne sono ben consapevoli e hanno da tempo avviato un dibattito al proprio interno volto ad arricchire la cd “cassetta degli attrezzi” di cui dispongono. Vedremo a quali risultati porterà questa riflessione, ma la gravità della situazione giustifica l’adozione di misure (quale ad esempio la rimozione, sia pur temporanea, del divieto di finanziamento diretto degli Stati) che sino ad oggi è stato considerato tabù solo prendere in considerazione. Adesso che anche la Germania sta entrando in recessione, è lecito sperare in una maggiore flessibilità delle autorità europee.

Bce, possibile nuovo Qe: quali effetti sui tassi dei mutui Euribor ed Eurirs?

Idealista intervista Riccardo Bernardi – CDO 24MAX – sugli effetti dei tassi Bce sui mutui

A sette anni dallo storico “Whatever it takes” pronunciato da Mario Draghi nel 2020 al suo primo annuncio del quantitative easing – la misura di acquisto asset a favore degli Stati membri dell’Unione che si è rivelata fondamentale per iniettare liquidità nel sistema economico favorendone la ripresa, – una delle ultime apparizioni dell’attuale presidente della Bce non ha avuto lo stesso dirompente effetto mediatico, né borsistico. E tuttavia ha contenuto molto di positivo.

Tassi di interesse Bce ancora bassi nel 2020

Durante la conferenza stampa, Mario Draghi ha annunciato la volontà di mantenere invariati a zero i tassi di interesse (deludendo i mercati che si aspettavano invece un taglio che li avrebbe portati in territorio negativo); ma d’altro canto ha garantito che resteranno bassi almeno fino alla metà del 2020, ha messo la mano sul fuoco sul fatto che Christine Lagarde sarà un suo degno successore (“Lagarde will be an outstanding president of the ECB”, sono state le parole di Draghi) e ha assicurato la platea di giornalisti presenti alla conferenza che è allo studio un nuovo programma di acquisto asset che verrà portato avanti ben oltre la scadenza prefissata, se necessario. “Un significativo livello di stimolo monetario continua ad essere necessario affinchè le condizioni finanziarie restino favorevoli a supportare l’espansione dell’area euro”, ha affermato infatti il presidente della Bce.

Tassi di interesse mutui 2020, Euribor ed Eurirs ai nuovi minimi

Credito disponibile e tassi bassi, quindi, ancora per lungo tempo, anche dopo il cambio di testimone con Christine Lagarde. Tutte notizie positive per chi intenda investire nell’economia reale, anche e soprattutto nel mercato immobiliare. I tassi dei mutui promettono infatti di restare favorevoli ancora a lungo, viste le parole di Draghi e visto l’andamento dei tassi Irs ed Euribor che, avendo scontato da tempo le decisioni di Francoforte, continuano a vedere sempre nuovi minimi.

In particolare i tassi Eurirs a tutte le scadenze hanno ceduto circa dieci centesimi di punto (in territorio negativo però solo la scadenza a un mese, attualmente al -0,23%); l’Euribor a un mese ha invece ceduto ulteriori decimi di punto fissandosi a giugno e luglio a -0,39 (dal precedente -0,37); la scadenza a tre mesi è passata dal -0,33 di giugno al -0,36 di luglio; a sei mesi, si è passati dal -0,28 di giugno al -0,34 di luglio mentre la scadenza a 12 mesi ha visto addirittura passare da un -0,19 del mese di giugno al -0,27 del mese di luglio.

Previsioni tassi mutui 2020: i commenti degli esperti

“L’elezione della colomba francese Christine Lagarde alla Bce ha creato aspettative di politica monetaria europea espansive, in continuità con quelle di Mario Draghi, – commenta Ivano Cresto, responsabile BU Mutui, Facile.it, che spiega così il movimento ribassista dei tassi Irs ed Euribor: – I mercati si aspettano in futuro un ulteriore ribasso del tasso Bce a -0.50, il che spinge al ribasso anche l’Euribor il quale, già al 24 luglio scorso, era sceso fino a toccare il valore di -0,401 per l’indice ad un mese e il -0,376 per quello a tre mesi. Oltre a questo, è lecito credere che vedremo un’ ulteriore campagna di quantitative easing che porterebbe la Bce ad acquistare titoli di Stato. I mercati, aspettandosi ciò, hanno iniziato a comprare titoli di Stato, facendone abbassare i rendimenti; comportamento che ha portato a far scendere l’Irs visto che questo fattore è correlato al rendimento dei titoli di stato tedeschi (ad oggi negativi fino a 20 anni). Per i consumatori, lo scenario fin qui descritto ha portato ad una ulteriore discesa dei tassi dei mutui, in quanto legati a Irs e Euribor. Situazione che potrebbe durare e addirittura migliorare per chi vuole comprare casa con un mutuo, dato che i tassi potrebbero abbassarsi ulteriormente”.

Tassi mutui, cosa succede se l’Euribor scende ancora

“In presenza di Euribor negativo e con uno spread bancario basso può succedere che vengano azzerati gli interessi della rata del mutuo, – fa notare Stefano Tempera, founder di Cercamutuo.com. – Facciamo un esempio: se avessi un mutuo parametrato all’Euribor 1 mese a -0,40 e uno spread di 0,40, il tasso finito su cui calcolare la rata sarebbe zero. Il che significherebbe pagare una rata di solo capitale e nessun interesse. Sel’Euribor scendesse ancora succederebbe quello che è accaduto in Danimarca nel 2020, quando la NationalBanken, la Banca centrale danese, portò i tassi a -0,75%, cogliendo impreparate le banche che qualche anno prima avevano sottoscritto mutui con spread inferiori. Da qui il paradosso: in alcuni casi gli istituti furono costretti ad accreditare ai mutuatari gli interessi maturati sulla somma prestata”. Di fatto questo difficilmente succederà in Italia, dove varie volte è stato applicato dalle banche il tasso “floor”, al di sotto del quale i tassi dei mutui proposti non possono scendere, onde evitare appunto che gli istituti di credito abbiano a perderci dai finanziamenti per acquisto casa.

Gli effetti dei tassi Bce sui mutui

Quando agli effetti diretti delle parole di Draghi sui tassi dei mutui, “i parametri come l’Euribor e l’Eurirs, che incidono sull’andamento delle rate, sembrano aver già scontato la mossa della Banca centrale europea di mantenere invariati i tassi, – commenta Tempera. – L’Euribor, in particolare, ha registrato negli ultimi giorni nuovi minimi storici, il che lascia pensare che i titolari di un mutuo a tasso variabile potranno rimanere tranquilli a lungo. Bisognerà vedere come si comporteranno le banche sull’offerta di nuovi mutui in questo secondo semestre dell’anno, se alzeranno gli spread bancari rispetto all’attuale offerta.

“La decisione da parte della Bce di lasciare invariati i tassi di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali, sulle operazioni di rifinanziamento marginale e sui depositi pressoché invariati non ci ha colti di sorpresa, – aggiunge Riccardo Bernardi , CDO di 24MAX. – Questa conferma sarà sicuramente un vantaggio per chi oggi intende acquistare una casa proprio grazie all’erogazione di un mutuo. Il perdurare del periodo di tassi di interesse ai minimi storici, quasi pari allo 0%, permetterà ad un numero maggiore di persone di avvicinarsi ad un acquisto immobiliare questo porterà ad un aumento del numero di compravendite effettuate anche grazie ai prezzi ancora vantaggiosi degli immobili che dal 2007 ad oggi si sono mantenuti in territorio negativo, con una flessione massima nel 2020. Nei primi 6 mesi del 2020 abbiamo assistito ad una leggera contrazione progressiva dei tassi di variazione dei prezzi che per la prima volta hanno registrato un incremento dell’0,2%. Siamo certi che però la decisione della Bce si confermerà vantaggiosa e permetterà al settore immobiliare di continuare la sua ripresa”.

“Apprendiamo favorevolmente la scelta intrapresa dalla Bce di mantenere i tassi bassi agevolando così il mercato dei finanziamenti, – afferma Renato Landoni, presidente di Kiron Partners. – Se poi la Bce riprenderà i Qe ci saranno nuove possibilità per sostenere il mercato immobiliare che è in moderata crescita da diversi mesi”.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Enciclopedia delle opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: