Investire in oro con opzioni binarie – Opzioni Binarie

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Come investire in oro con le opzioni binarie

Tutte le informazioni utili per investire in oro sfruttando i benefici offerti del mercato delle opzioni binarie. Analizzeremo innanzitutto come mai si dovrebbe prendere in considerazione l’oro anziché azioni, obbligazioni e altri assets o materie prime, per poi approfondire il mondo degli investimenti nel metallo prezioso con le attività più diffuse (grazie alle ultime tecnologie disponibili al giorno d’oggi) e il confronto tra le opzioni binarie e altri metodi diffusi per investire in oro. Con questi dati, analizzeremo dunque se risulta conveniente o meno questa particolare scelta.

Investire in oro conviene

Molto raramente, nel mondo degli investimenti, si può affermare in modo oggettivo e senza essere presi per pazzi che conviene investire in un certo bene, quasi indipendentemente dalle previsioni future per il relativo mercato. Investire in oro, a quanto pare, è una vera e propria eccezione alla regola. Questo preciso metallo, è infatti considerato come bene rifugio per eccellenza sin da epoche molto remote, capace di distinguersi in positivo rispetto agli altri beni d’investimento più diffusi per la tutela dall’inflazione e l’alto grado di liquidità che lo contraddistinguono.

Da più di due secoli, infatti, il valore dell’oro è rimasto a grandi linee analogo, mantenendo con il tempo un valore elevato indipendentemente dall’aumento dei prezzi e la relativa svalutazione della moneta. Questo fattore, unito alla proprietà di bene rifugio (l’oro è pressoché insensibile alle decisioni di politica economica, le stesse che provocano oscillazioni nei confronti di valute e altri beni di investimento), regala all’oro la palma di bene di investimento affidabile, nel breve e nel lungo periodo.

Come posso investire in oro

Dire che investire in oro conviene non basta per chiarire i dettagli su questo mercato complesso ma affascinante, per gli alti rendimenti che esso può fruttare. Esistono infatti diverse modalità per effettuare un investimento, ovvero il più “antico” metodo dell’acquisto di oro fisico, che si alterna alle più moderne branche d’investimento in oro tramite ETF, CFD e opzioni binarie.

Distinguiamo, prima di tutto, le opzioni binarie basate sull’oro dagli ETF e CFD, che in comune con le prime hanno soltanto il fattore di essere strumenti per il trading molto diffusi sul web, con ampliamento continuo del mercato e dei broker che offrono servizi di questo tipo. Mentre CFD ed ETF sono degli strumenti che seguono fedelmente il prezzo dell’oro, le opzioni binarie consentono all’utente di prevedere se ad una determinata scadenza il valore del metallo sarà più elevato o inferiore rispetto a quello dell’istante in cui si opera nel mercato. In alternativa, altri tipi di opzioni binarie consentono anche di stabilire un intervallo in cui cadrà il prezzo dell’oro al termine stabilito, oppure una quota che dovrà raggiungere.

Investire in oro con le opzioni binarie conviene rispetto agli ETF e ai CFD, perché anziché limitarsi a replicare il prezzo dell’oro, offrono l’opportunità di trarre guadagni di notevole entità nel breve periodo e soprattutto anche in caso di svalutazione del metallo, se prevista dall’investitore.

Investire in oro fisico

Tenendo un attimo da parte l’oro finanziario e il trading, concentriamoci sulla possibilità di investimento in oro fisico. Si tratta dell’azione più antica per investire in questo metallo, che ha però delle controindicazioni impossibili da sottovalutare. L’acquisto di monete o lingotti, forme di oro fisico più diffuse in assoluto, richiede innanzitutto del tempo per il trasferimento del bene, comportando anche probabili spese di spedizione e procedure che non possono certo essere comparate ai tempi richiesti da chi è intenzionato a fare trading puntando sull’andamento di breve periodo.

Sebbene le opzioni binarie siano inevitabilmente più rischiose del semplice oro fisico, esse possono portare in pochi minuti ad un guadagno anche cinque volte più alto rispetto all’importo investito, mentre all’oro fisico è necessario dedicare almeno mesi o anni di tempo per trarre (se tutto va bene) i benefici attesi.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Investire in oro con le opzioni binarie

Siamo dunque arrivati a concludere che effettivamente, considerati i diversi fattori relativi all’oro e alle sue forme in cui si presenta per gli investimenti, scegliere le opzioni binarie conviene sia rispetto all’oro fisico, sia alle altre branche di oro finanziario. Andiamo ora a scoprire i dettagli da prendere in considerazione per trovare il broker che fa per voi nel campo delle opzioni binarie in oro, per poi cominciare a fare trading con esse.

Un broker è un sito web che mette a disposizione una piattaforma per fare trading sul prezzo dell’oro con le opzioni binarie, dando all’utente la possibilità di registrarsi, effettuare un versamento tramite carta di credito o altri sistemi di pagamento elettronico, consultare grafici aggiornati in tempo reale (con precisione all’istante) e investire in oro con le opzioni binarie.

I tre fattori da prendere in considerazione, visibili nella scheda informativa resa disponibile dal broker, sono il profitto massimo dell’investimento (i più “generosi” arrivano fino al 600%), l’importo minimo per ciascun deposito (difficile trovare sotto i 100 euro) e il prezzo minimo di ciascuna sessione di trading con le opzioni binarie (si trovano anche da 1 e 5 euro).

Esempi di investimento in oro con le opzioni binarie

Passiamo a qualche esempio concreto di investimento in oro con le opzioni binarie, considerando i tre principali metodi: Su/Giù (ovvero Alto/Basso), intervallo e one touch.

Investire in oro con opzioni binarie Su/Giù

Decidiamo di investire 10 euro sulle opzioni binarie oro di tipo Su/Giù con scadenza alle ore 18.00, quando sono le 16.30 e il prezzo dell’oro è pari a 1144,53 dollari l’oncia. Ci aspettiamo un calo nel brevissimo periodo, perciò acquistiamo l’opzione Giù, che in caso di vincita ci offre l’80% di ritorno. Se alle ore 18.00 il prezzo dell’oro è più basso di 1144,53 dollari l’oncia, come da noi previsto, abbiamo guadagnato 8 euro in appena un’ora e mezza.

Le opzioni binarie intervallo per investire in oro

Considerando per semplicità lo stesso orario di inizio e scadenza, analogo importo di investimento e prezzo dell’oro allo stato attuale, decidiamo di puntare sulle opzioni binarie per intervallo (con 70% di ritorno) su 1144,22 / 1144,56. Se alle 18.00 il prezzo dell’oro cadrà in quell’intervallo, avremo guadagnato 7 euro.

Opzioni binarie oro di tipo one touch

Infine, con le opzioni binarie oro one touch proviamo a stabilire la soglia di 1144,95 dollari l’oncia, per un 200% di ritorno. Nel caso in cui, tra le 16.30 e le 18.00, il prezzo dell’oro arrivi a toccare quella soglia, anche se al termine del periodo sarà sceso nuovamente ci verranno accreditati ben 20 euro.

Investire in opzioni binarie

In questa sezione parleremo di come investire in opzioni binarie. Ricordiamo a tutti che questo tipo di investimento in Europa è destinato solo ai trader professionisti.

In questa sezione parleremo di come investire in opzioni binarie. Ricordiamo a tutti che questo tipo di investimento in Europa è destinato solo ai trader professionisti.

Per questa ragione tutto che riguarda il trading binario è dedicato esclusivamente ai trader professionisti.

I trader al dettaglio possono valutare l’investimento in CFD, scopri di più qui >>> Trading CFD: cosa sono, vantaggi e strategie CFD trading

Investire in Opzioni

Negli ultimi anni siamo stati abituati a sentir parlare di investimenti nel trading online tramite opzioni binarie. Investire in opzioni però è tutt’altra storia. Opzioni binarie e opzioni di trading sono due cose totalmente distinte e inoltre, le prime non sono più disponibili in Italia per i trader retail a seguito delle decisioni dell’ESMA che ha ritenuto che fossero gestibili solo ed esclusivamente da trader professionisti.

Quindi, investire in opzioni significa ben altro e adesso scopriremo nel dettaglio di cosa si tratta. Per chi è principiante nel trading in opzioni è sicuramente consigliabile iniziare scaricando la seguente guida gratis (clicca QUI) : tale guida ti insegnerà passo dopo passo come ottenere risultati soddisfacenti investendo in opzioni.

Apri un Conto con i Migliori Broker Regolamentati

Piattaforma: Investous

Deposito: 250$

Licenza: Cysec

  • Corsi di trading gratis
  • Indicatori e segnali gratis

*Terms and conditions apply

Piattaforma: Plus500

Deposito: 100$

Licenza: Cysec

  • Piattaforma professionale
  • Demo gratis

*Terms and conditions apply

Piattaforma: eToro

Deposito: 200$

Licenza: Cysec

  • Social/Copy Trading
  • Demo gratis

*Terms and conditions apply

Indice della Pagina

Opzioni: cosa sono e come funzionano?

Questa tipologia di investimento ricade nell’ambito degli strumenti derivati. Vediamo quindi adesso il significato di opzioni nel dettaglio.

Le opzioni sono una metodica di investimento il cui valore dipende da un asset sottostante di differente natura (oro, petrolio ma anche indici o azioni).

Le opzioni possono essere definite come un contratto finanziario che da al trader il diritto ma non l’obbligo (tramite pagamento di un premio) di acquisto o vendita. Nello specifico, tale strumento finanziario consente al trader di avere la possibilità di acquistare (opzione call) o vendere (opzione put) una determinata quantità di un asset finanziario ad un determinato prezzo strike (prezzo di esercizio dell’opzione) nel momento in cui si raggiunga la data di scadenza dell’opzione o prima della scadenza. Un esempio di opzione è il MIBO (MIB Option) ovvero il contratto con l’opzione call o put che si basa su un paniere di titoli sottostanti (le 40 maggiori azioni di società italiane ed estere) quotati sulla borsa italiana.

Opzioni: call e put cosa sono?

La tipologia di opzioni call prevede che il trader abbia la garanzia di aver il diritto di acquisto del titolo sottostante al raggiungimento della scadenza o entro tale limite ad un prezzo di esercizio precedentemente definito. Grazie al pagamento del premio però il trader avrà il diritto ma non l’obbligo.

La scelta di acquistare o meno viene data dalla differenza tra il prezzo di mercato e il prezzo strike definito alla “stipula” dell’opzione call. Se il prezzo di mercato è maggiore del prezzo strike allora l’investitore andrà in profitto. Ovviamente il prezzo di mercato deve raggiungere un margine superiore anche al costo che abbiamo sostenuto per il pagamento del premio.

La tipologia di opzioni put mantiene lo stesso ragionamento di base ma ovviamente in questo caso il profitto si ottiene nel momento in cui il prezzo di vendita dell’asset sottostante sarà minore del prezzo strike (considerando sempre il costo del premio pagato in origine).

All’interno degli investimenti in opzioni abbiamo due figure: il writer e l’holder. Chi acquista l’opzione è l’holder, chi la vende è il writer. Nel caso di una opzione call, l’holder ha il diritto di acquistare l’asset sottostante dal writer mentre in una put l’holder ha il diritto di vendere l’asset sottostante al writer.

Opzioni: quanto possono essere redditizie?

Come abbiamo detto prima, il profitto o la perdita per il trader che decide di investire in opzioni dipende dal superamento al rialzo (nel caso di opzione di acquisto) o dal superamento al ribasso (nel caso di opzione di vendita) del prezzo di esercizio strike dell’asset sottostante al netto del premio dell’opzione pagato a monte.

Se alla scadenza non si presentano queste condizioni l’opzione può non essere esercitata.

Abbiamo quindi 3 possibilità quando si parla di trading in opzioni:

  • opzione ATM “at the money”: il prezzo strike è ugual al prezzo di mercato dell’asset;
  • opzione ITM “in the money”: il prezzo strike è inferiore (nel caso call) o superiore (nel caso put) rispetto al prezzo di mercato dell’asset;
  • opzione OTM “out the money”: il prezzo strike è superiore (nel caso call) o inferiore (nel caso put) rispetto al prezzo di mercato dell’asset.

Ovviamente, un’opzione ITM alla scadenza dà profitto se è esercitata.

Premio di un’opzione: fattori

Il premio dell’opzione si basa su modelli matematici che prendono in considerazione fattori come il valore intrinseco che è legato al prezzo del sottostante e del prezzo strike, la volatilità dell’asset, l’ampiezza temporale, i tassi d’interesse, eventuali dividendi e altri fattori macroeconomici.

Per quanto riguarda i dividendi possiamo dire che questi portano ad una diminuzione del valore di un’azione nel momento in cui vengono rilasciati: ciò ha un effetto negativo su una opzione call e positivo su un’opzione put.

Nel caso dei tassi d’interesse ad esempio possiamo dire che maggiori sono i tassi d’interesse monetari più conveniente diventa lasciare investito all’interno del mercato monetario e in questo caso, il costo del premio di un’opzione call sarà più elevato poiché tale opzione da il diritto a rimandare l’uscita.

Opzioni: europee e americane

Come abbiamo detto inizialmente un’opzione dà il diritto di esercitare l’acquisto o la vendita entro la scadenza o alla data di scadenza. Nel caso di opzioni europee questo diritto viene offerto solamente alla scadenza a differenza delle opzioni americane in cui il diritto può essere esercitato anche nell’intervallo temporale precedente alla scadenza.

Ovviamente se consideriamo opzioni con stessa durata, stesso asset e stesso strike quelle americane avranno un premio superiore a quello delle opzioni europee.

Opzioni: perchè convengono?

I trader utilizzano le opzioni poiché tale strumento finanziario fornisce alcuni vantaggi. Le opzioni infatti consentono di limitare i rischi di investimento tramite l’hedge, permettono di guadagnare tempo su un’investimento e consentono di trarre vantaggio dai movimenti di mercato. Questi sono i motivi principali e adesso andremo a chiarire questi concetti.

Copertura

Le opzioni rappresentano un’hedge in quanto sono uno strumento di copertura. Se possiedi azioni di una azienda ma hai il timore che la quotazione di queste azioni possa diminuire, acquistare un’opzione put ti può consentire di vendere tali azioni ad un prezzo simile a quello di mercato corrente. Nel caso in cui il valore delle azioni effettivamente diminuirà, il trader potrà esercitare il diritto di opzione e limiterà quindi le perdite. Nel caso in cui tale scenario non dovesse presentarsi e le azioni presentassero un aumento di valore la perdita consisterà solo nel costo del premio pagato.

Tempo

Le opzioni consentono di guadagnare tempo nella fase di studio e valutazione di un determinato asset così da comprendere se tale investimento possa essere davvero profittevole. Piuttosto che fare un investimento di cui si è poco sicuri in questo modo si rischia solo il premio.

Vantaggi ulteriori

Le opzioni sono flessibili e questo le rende una scelta da cui si possono trarre notevoli vantaggi. Come abbiamo detto prima il premio può variare in funzione di alcuni fattori per cui molti investitori normalmente investono in opzioni senza volere effettivamente esercitare il diritto di acquisto o vendita. Spesso infatti, tali trader acquistano opzioni con l’obiettivo di rivenderle all’aumentare del premio.

Opzioni: rischi e le “greche”

Le greche (poiché sono lettere greche che rappresentano i vari rischi del trading in opzioni) ci danno informazioni fondamentali per aver successo con il trading in opzioni.

Le cinque greche da conoscere a fondo sono le seguenti:

Delta: indica la variazione del premio in funzione dell’andamento dell’asset sottostante;

Gamma: indica di quanto il delta di una specifica opzione si muove in funzione delle variazioni dell’asset sottostante;

Theta: ci permette di comprendere quanto diminuirà il prezzo di una data opzione nel corso del tempo;

Vega: indica la quantità di movimento di prezzo dell’opzione in funzione della volatilità dell’asset sottostante;

Rho: indica la quantità di movimento di prezzo dell’opzione in funzione della quotazione dell’asset.

Opzioni: come fare trading?

Anche per questo strumento finanziario è prevista la possibilità di fare trading in CFD tramite i broker online.

Facendo trading in opzioni tramite i contratti per differenza, piuttosto che investire tramite il diritto acquisto o vendita dell’asset sottostante avrai la possibilità di acquistare o vendere contratti per differenza sull’asset sottostante. In questo modo, visto che i prezzi dei CFD sono perfettamente equiparabili al prezzo corrente dell’asset sottostante, profitti o perdite rimangono uguali ma eviterai di pagare costi di apertura dell’opzione.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Enciclopedia delle opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: