Come comprare azioni Apple [2020] previsioni e quotazione

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Contents

Comprare azioni Apple

Ultimi notizie

L’avvertimento di Apple riduce il sentimento degli investitori

Quando il primo trimestre di Apple ГЁ minacciato dall’avvento dell’epidemia di coronavirus, il morale degli investitori ГЁ ai minimi storici.

I nostri consigli per fare trading sulle azioni Apple

I tentativi di diversificazione delle attività del gruppo Apple su altri segmenti tecnologici non ancora sfruttati vanno ovviamente seguiti con interesse. Ciò potrebbe riguardare in particolare delle consolle di gioco e portare Apple a fare concorrenza a Sony e agli altri grandi attori del settore.

Bisognerà inoltre tenere d’occhio la messa in opera di partenariati strategici e di alleanze con altre aziende, soprattutto nel quadro di sviluppi futuri.

In termini generali, bisognerà ovviamente seguire i dati relativi allo sviluppo e alla crescita di prodotti e servizi online come la messa a disposizione di musica, segmento su cui Apple è molto ben posizionata.

L’analisi della concorrenza sarà di prima importanza, soprattutto sul segmento degli smartphone in cui le quote di mercato evolvono rapidamente. In questo segmento andrà anche seguita la leadership del sistema operativo Android.

Infine, per quanto riguarda i mercati emergenti, andranno seguite le operazioni messe in opera da Apple per aumentare i propri volumi di vendita.

Le azioni Apple in breve

  • Capitalizzazione borsistica totale: 825.032,54 milioni di dollari statunitensi
  • Numero di titoli: 4.715.280.000
  • Piazza di quotazione: NASDAQ
  • Mercato: Global Select Market
  • Indice: NASDAQ
  • Settore di attività: Tecnologia

L’attività della società Apple

Cominciamo questo articolo interessandoci un po’ più da vicino alle attività del gruppo Apple. Sebbene tutti conoscano ovviamente questa società statunitense almeno di nome, scoprirete che le sue attività sono svariate.

Il gruppo Apple è una società statunitense specializzata in ideazione, produzione e vendita di materiale informatico, di telecomunicazione e di supporti per musica. Per capire meglio il peso rappresentato dai differenti segmenti in cui Apple è presente, ecco le sue attività suddivise in differenti poli a seconda del volume d’affari generato.

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

  • La maggior parte delle attività del gruppo Apple riguarda i prodotti per la telefonia con i celebri telefoni mobili a marchio iPhone. Queste attività generano infatti da sole il 62,8% del volume d’affari del gruppo.
  • Vengono poi le attività legate alla produzione e commercializzazione di computer portatili con i marchi MacBook, MacBook Air e MacBook Pro. Questa categoria comprende ovviamente anche i computer da tavolo sotto i marchi iMac, Mac Mini, Mac Pro e Xserve. In totale, le vendite di computer Apple generano il 9,6% del fatturato del gruppo.
  • In terza posizione troviamo i supporti per musica ovvero i lettori a marchio iPod e iPad, che generano ogni anno oltre 43 milioni di vendite, e i relativi accessori. Questa attività rappresenta il 7,1% del volume d’affari dell’azienda.
  • Viene poi la produzione e la vendita di periferiche come monitor, sistemi di stoccaggio, stampanti, videocamere, schede di memoria, server, commutatori ed altri prodotti analoghi. Le periferiche generano circa il 6,5% del fatturato di Apple.
  • Infine, il rimanente 14% del volume d’affari di Apple deriva da attività e prodotti di terzi come software, servizi di manutenzione o accessi a Internet.

Il gruppo Apple ha una portata internazionale ed è quindi interessante conoscere la ripartizione geografica del suo fatturato. La maggior parte del volume d’affari viene realizzato negli Stati Uniti che ne rappresentano il 36,9%. Vengono poi l’Europa con il 23,5%, la Cina con il 19,5%, il Giappone con l’8,2%, l’Asia Pacifica con il 6,6% e, infine, le Americhe, USA esclusi, con il 5,3%.

Conoscere la concorrenza delle azioni Apple

Come avete potuto constatare leggendo il paragrafo precedente, il gruppo Apple svolge delle attività differenziate su vari segmenti. Analizzando la concorrenza di questo gruppo è quindi necessario conoscere, per ciascuno di questi segmenti, i concorrenti che possono sottrarre quote di mercato ad Apple.

Per quanto riguarda lo sviluppo e la vendita di applicazioni, Apple ha un solo concorrente serio, il gruppo Lydia che opera sullo stesso principio dell’App Store ma le cui applicazioni non sono necessariamente delle applicazioni ufficiali di Apple.

Nel settore dei tablet, è noto che l’iPad sviluppato e commercializzato da Apple deve far fronte ad alcuni concorrenti importanti. Tra le aziende più presenti in questo segmento troviamo in particolare i gruppi Samsung, Toshiba, Motorola, Acer, Archos, Microsoft e HP che è senza dubbio uno degli avversari più seri grazie al suo tablet TouchPad che gli ha permesso di conquistare numerose quote di mercato. In questo segmento andrà inoltre seguito il gruppo Amazon che propone anch’esso dei tablet sempre più popolari sul mercato.

Per quanto riguarda il segmento degli smartphone la concorrenza è ancora più forte. Il principale avversario di Apple su questo mercato è ovviamente il coreano Samsung che sviluppa delle gamme di telefoni con delle funzionalità molto simili a quelle di Apple. Va tenuto d’occhio anche Huawei, un concorrente che cresce rapidamente e le cui vendite aumentano incessantemente.

Sul segmento dei computer va ovviamente presa in considerazione la concorrenza del sistema operativo Windows che equipaggia la maggior parte dei computer attuali e che fa direttamente concorrenza all’iOS di Apple. Per quanto riguarda i computer in sé, bisogna tenere d’occhio i grandi nomi del settore come HP, Sony, Acer, Asus e Lenovo.

Infine, per quanto riguarda i lettori di musica non c’è una gran concorrenza che possa costituire un reale pericolo per Apple che detiene la maggioranza delle quote di mercato. Andranno comunque tenute d’occhio le aziende Sony, Philips e Samsung che cercano di guadagnare punti su questo mercato.

Le alleanze strategiche strette dal gruppo Apple

Per diventare il principale attore del suo settore di attività, il gruppo Apple ha dovuto mettere in opera una strategia a lungo termine molto ben concepita e guadagnare così a poco a poco delle quote di mercato. Tra gli assi fondamentali della sua strategia, la messa in opera di partenariati ed alleanze strategiche è un punto interessante da studiare prima di trattare questo titolo. Apple effettua infatti una moltitudine di accordi con altre aziende ed ognuno di questi ha un’influenza più o meno forte sulle sue azioni di Borsa. Vi proponiamo di scoprire alcuni esempi recenti di queste alleanze per permettervi di capirne meglio l’impatto.

Nel 2020, per esempio, il gruppo Apple ha stretto un partenariato strategico con la società Salesforces, specializzata in attività per il servizio clienti, per acquisire ulteriori quote di mercato nel segmento dei professionisti. Infatti, sebbene sia leader sul mercato dei privati, Apple non si posiziona ancora sufficientemente bene su quello delle aziende. Nel quadro di questa alleanza, Salesforces prende in carico lo sviluppo di funzionalità specifiche e dedicate alla relazione e al servizio clienti sul sistema operativo iOS che saranno poi integrate nel portafoglio delle sue apps oppure proposte tramite dei kit di sviluppo o a degli sviluppatori esterni. Tra le funzionalità in via di sviluppo troviamo in particolare delle nuove funzionalità per il business che profitteranno delle ultime evoluzioni di iOS come l’app Shortcut, Face ID e Apple Business Chat.

Sempre nel 2020, il gruppo Apple sembra essersi anche avvicinato al segmento del lusso mettendo in opera degli accordi strategici con il gruppo Kering. L’obiettivo di questo partenariato sarebbe di sviluppare e mettere a punto un’applicazione professionale destinata agli impiegati dei negozi del gruppo. Questo tipo di partenariato può ovviamente accrescere fortemente il posizionamento di Apple nel settore del lusso dato il grande numero di marchi e quindi di negozi gestiti da Kering fra cui Gucci, Yves Saint-Laurent, Boucheron, Balenciaga e Alexandre McQueen.

Infine, l’ultimo partenariato in ordine di tempo del gruppo Apple è stato stretto nel 2020 con il gigante cinese della vendita online Alibaba. Va ricordato che Apple realizza una gran parte del suo volume d’affari in Cina ma questo tende attualmente a ridursi a causa della guerra commerciale tra questo paese e gli Stati Uniti, soprattutto per quanto riguarda gli smartphone. Per contrastare il calo delle vendite e lottare contro il boicottaggio degli utenti cinesi, Apple ha messo in opera, in partenariato con Alibaba e la sua filiale Ant Financial Services Group, un prestito a tasso 0% per gli acquisti di iPhone su questa piattaforma online. Il sistema messo in opera permette quindi ai clienti che lo desiderano di acquistare un telefono iPhone XR o XS in 3,6, 9, 12 o 24 rate mensili senza interessi.

Storico economico e finanziario del gruppo Apple

Sempre per aiutarvi ad analizzare la quotazione delle azioni Apple, vi proponiamo ora di immergervi nello storico dell’azienda. Infatti, è proprio conoscendo gli eventi che hanno fatto la storia del gruppo che sarete in grado di identificare i futuri eventi che potranno influenzare la loro quotazione in Borsa.

Apple è stata fondata nel 1976 da Steve Jobs ma bisogna attendere il 1977 perché l’attività assuma pienamente lo statuto di società. Da principio Apple era unicamente orientata alla progettazione di personal computer ma si è a poco a poco diversificata nel settore dell’informatica e delle nuove tecnologie. All’epoca del suo lancio, l’obiettivo di Apple era di fare concorrenza al gigante IBM che spadroneggiava sul mercato dell’informatica, in particolare proponendo dei computer più piccoli e più economici. Nel tempo, i primi computer ed altre macchine di Apple come l’Apple II, il Macintosh, l’iPod, l’iPhone e l’iPad hanno visto progressivamente la luce ed hanno conosciuto un enorme successo.

Nel 1985, Steve Jobs, che ha in parte creato l’impresa, lascia la Apple in seguito a un conflitto con il suo associato John Sculley. Steve Jobs crea allora la società NeXT che acquista Pixar da Georges Lucas e diventerà in seguito, dopo l’acquisto degli studi di animazione del gruppo, membro del consiglio di amministrazione della Walt Disney Company.

Nel 1997 Steve Jobs ritorna alla direzione del gruppo Apple e ciò permette all’azienda di rimettersi in piedi perché è lui che è all’origine della creazione di tutti i prodotti più popolari del gruppo e del loro successo dovuto soprattutto ad una strategia di marketing ben concepita. Nel 2020 lascia la direzione a causa di un tumore al pancreas di cui muore l’anno stesso.

Sempre nel 2020, un altro evento importante, questa volta positivo, segna la storia di Apple. Dopo il lancio dell’iPad 2, che ha avuto un immenso successo, il gruppo diventa la più grande capitalizzazione borsistica del mondo con un valore di oltre 341 miliardi di dollari che gli permette di superare il gigante Exxon. Ma non è tutto! L’anno dopo, infatti, la capitalizzazione borsistica batte letteralmente un record storico superando i 622 miliardi di dollari, al di sopra quindi del record registrato dal gruppo Microsoft nel 1999 con 620 miliardi di dollari.

Nel 2020 si apprende inoltre tramite il Wall Street Journal che il gruppo Apple dispone di una riserva di oltre 250.000 milioni di dollari. L’anno stesso, la capitalizzazione del gruppo raggiunge un altro record con oltre 900 miliardi di dollari.

Nel 2020 si assiste ad un altro evento importante relativo alle azioni Apple che guadagnano numerosi punti raggiungendo i 207 dollari nel mese di agosto. Nello stesso anno, Apple diventa inoltre la prima azienda al mondo a raggiugere una capitalizzazione di 1.000 miliardi di dollari. Tuttavia, nel corso del 2020 questa capitalizzazione subisce un crollo drastico perdendo un terzo dei suoi attivi. Con l’inizio del 2020, la capitalizzazione borsistica del gruppo è nell’ordine dei 678 miliardi di dollari il che fa ovviamente scendere Apple nella classifica essendo preceduta dalle società Microsoft, Amazon e Alphabet, la casa madre di Google.

Vantaggi e punti di forza delle azioni Apple come attivo di Borsa

Cerchiamo ora di saperne di più a proposito delle prospettive di evoluzione a lungo termine delle azioni Apple procedendo ad un’analisi dei suoi attuali punti forti e deboli. Tali punti forniscono infatti delle indicazioni sulle capacità di crescita dell’impresa e quindi sulla capacità delle azioni di attirare gli investitori. Cominciamo da un riepilogo dei particolarmente numerosi vantaggi del gruppo.

Il gruppo Apple ha una dimensione internazionale e fa parte dei più grandi gruppi del mondo. La sua forza lavoro in particolare è un indice del suo forte sviluppo e infatti Apple impiega ad oggi oltre 100.000 dipendenti nel mondo. Altro importante elemento da annoverare tra i punti di forza di Apple è la sua clientela che è al tempo stesso cospicua e fedelissima. Chi possiede un prodotto di questa casa tende ad acquistare altri prodotti Apple anche in altri segmenti.

Il gruppo Apple è inoltre conosciuto per le sue numerose innovazioni. Inutile sottolineare che l’azienda spende ogni anno una buona parte del suo budget in ricerca e sviluppo per proporre al pubblico dei prodotti tecnologici innovativi e sempre più rispondenti alle esigenze. Tra l’altro, grazie ai suoi progressi, Apple cerca anche di inserirsi in nuovi segmenti sviluppando prodotti che non fanno parte del suo attuale portafoglio.

Le vendite del gruppo Apple vengono inoltre realizzate attraverso una strategia concreta che tende a mantenere e sviluppare una rete di distribuzione forte. Questa rete si estende infatti in tutto il mondo ed è composta di negozi Apple e rivenditori terzi ma sfrutta anche la vendita online e i partenariati con alcuni operatori telefonici.

Un altro vantaggio strategico del gruppo Apple è la sua strategia di comunicazione molto ben concepita e la qualità delle sue pubblicità. Queste ultime vengono diffuse su differenti media quali televisione, carta stampata, annunci online o pubbliche affissioni.

Va da sé che il marchio Apple è in sé un vero e proprio vantaggio per il gruppo. Grazie alla sua particolare storia, degna delle più grandi succes story, e all’eredità lasciata da Steve Jobs, Apple è stata capace di diventare una vera e propria leggenda e di conquistare il cuore di un’intera generazione.

L’ultimo vantaggio di cui dispone il gruppo Apple è la sua grande capacità di proporre molto regolarmente nuovi prodotti creando nuove esigenze presso i consumatori, il che gli permette di superare la concorrenza in particolare nel settore degli smartphone.

Svantaggi e punti deboli delle azioni Apple come attivo di Borsa

Abbiamo appena visto quali sono i numerosi punti di forza delle azioni Apple e i principali vantaggi di questa azienda. Avete quindi potuto constatare che gli argomenti a favore di un rialzo del valore di questo titolo sono numerosi e vari ma, prima di mettere a punto una strategia all’acquisto, dovete anche pensare a fare un’analisi delle debolezze di Apple. Ecco quindi i principali punti deboli del gruppo.

Come abbiamo rapidamente accennato in precedenza, il principale punto debole di Apple è la sua scarsa presenza nel settore professionale. Alcuni dei suoi concorrenti principali come Dell e HP dominano infatti questo mercato da molti anni e Apple non riesce ancora ad attrarre sufficientemente le aziende.

Il secondo ed ultimo punto debole di Apple è la sua strategia di marketing che tende a rendere rigido il suo ecosistema. I prodotti Apple vengono infatti progettati per associarsi unicamente ad altri prodotti della stessa marca e alle applicazioni sviluppate dal gruppo. I concorrenti puntano invece maggiormente sulla più grande apertura e ciò attira sempre di più gli utenti che ci tengono a restare liberi nelle loro scelte.

Come e dove fare trading sulla quotazione delle azioni Apple?

Per cominciare ad investire sulla quotazione delle azioni Apple vi basta iscrivervi subito alla piattaforma di trading online che raccomandiamo qui e che propone dei CFD sulle azioni.

Comprare azioni Apple: Guida completa e dettagliata [2020]

Pubblicato: 16 Gennaio 2020 – Modificato: 7 Aprile 2020 – di Redazione

Questo articolo è dedicato ad approfondire il tema legato al come comprare azioni Apple, una delle aziende di maggior successo a livello mondiale.

Investire in azioni Apple è un’ottima idea, già da molti anni. Scopriamo il perché nella nostra recensione dettagliata.

Apple è un’azienda fondata negli Stati Uniti, il primo Aprile del 76 da Steve Jobs, Steve Wozniak e Ronald Wayne. Ne sono passati di anni da quel garage in California, che ha cambiato tutto. Adesso la Apple è senza dubbio, una delle aziende più note, discusse e con una catena produttiva da far invidia al resto del mondo.

Il suo titolo azionario è negoziabile su numerose piattaforme, nel corso dell’articolo scopriremo la migliore, ovvero eToro, dal momento che offre servizi di Trading davvero rivoluzionari.

Migliori piattaforme per comprare azioni Apple

Ad oggi, le azioni Apple possono essere acquistate su numerose piattaforme, in sicurezza e senza commissioni. Di certo, ciò rappresenta una modalità ottima per diversificare i propri investimenti ed ottenere profitti molto interessanti.

Di seguito, una lista completa dei migliori Broker operanti in Italia con la garanzia della certificazione Consob.

Social Trading (Copia i migliori)

Semplice ed intuitivo ➥ Inizia *Si applicano termini e condizioni Piattaforma: investous
Deposito Minimo: 250€
Licenza: Cysec

Corso trading gratis

Segnali di trading gratis ➥ Inizia *Si applicano termini e condizioni Piattaforma: trade
Deposito Minimo: 100€
Licenza: Cysec

Corso trading gratis ➥ Inizia *Si applicano termini e condizioni Piattaforma: plus500
Deposito Minimo: 100€
Licenza: Cysec

Sicura e affidabile ➥ Inizia *Si applicano termini e condizioni Piattaforma: iqoption
Deposito Minimo: 10€
Licenza: Cysec

Demo Gratuita Illimitata

Deposito minimo basso ➥ Inizia *Si applicano termini e condizioni

Comprare azioni Apple: Ecco perché farlo con eToro

Per comprendere la motivazione principale del perché eToro è la piattaforma migliore in assoluto, occorre fare un passo indietro nel tempo.

Fino a pochi anni fa, era prassi rivolgersi presso la propria banca per qualsiasi operazioni di compravendita sui mercati finanziari. Si comunicava il titolo da acquistare e si tornava a casa, ma non dopo aver aperto il conto deposito titolo, pagato la relativa imposta di bollo e versato la commissione all’operatore bancario.

Per vendere il titolo, occorreva nuovamente recarsi in banca, fare la fila e comunicare l’intenzione di chiudere la posizione sul titolo azionario. Aldilà delle commissioni, è evidente come un modus-operandi simile era valido solo per posizioni a lungo periodo. Eppure, in mercati molto volatili come quello tecnologico il rischio era molto alto.

In seguito, sono entrate sul mercato le piattaforme CFD (Contract For Difference), specializzate in mercati finanziari, regolamentate dai maggiori Enti Europei e con la comodità di permettere l’operatività direttamente da casa.

Da dieci anni a questa parte abbiamo assistito ad una vera rivoluzione nel modo di fare Trading. Niente più file, niente più commissioni fisse, niente più tempi lunghi per aprire e chiudere una posizione. Tutto può essere realizzato da casa e con un semplice click.

Fatta questa doverosa premessa, scopriamo la migliore piattaforma in Italia, ovvero eToro, elencando i suoi servizi principali.

Regolamentazione

Iniziamo con il dire che eToro è una piattaforma estremamente solida e certificata. Dispone di licenze ed autorizzazione ad operare da parte di numerosi Enti, tra cui:

Investire con eToro significa farlo in totale sicurezza e professionalità. Non a caso, sono circa 10 milioni i clienti che operano su questa piattaforma ogni giorno.

Inoltre, i servizi aggiuntivi messi a disposizione da questo Broker sono davvero di alta qualità. Scopriamo i due più importanti ed utilizzati.

Come accennato, eToro offre l’operatività in CFD, ovvero contratti derivati che replicano l’andamento di un Asset, in questo caso l’azione Apple.

Cosa succede se Apple ha un rialzo sui mercati? Semplicemente si apre un CFD Long (rialzista) e si guadagna per ogni punto base di rialzo.

Ed in caso contrario, cosa accade se Apple dovesse scendere di prezzo? Nessun problema, dal momento che si apre un CFD Short (ribassista) e per ogni punto base di discesa, ci corrisponderà un profitto.

Insomma, con i CFD non è importante se l’azione sale o scende, ciò che conta è indovinare la direzione ed aprire il CFD adatto!

Questa opportunità permette di guadagnare in entrambi gli scenari di mercato ed ha rappresentato una vera rivoluzione nel modo di fare Trading. Strumenti derivati regolamentati dalla Consob, sono presenti su eToro senza commissioni fisse.

Ecco il CFD di Apple:

Semplice, efficace e profittevole: comprare azioni Apple con eToro è davvero un grande vantaggio.

Copy Trading

Il broker eToro è famoso in tutto il mondo anche per mettere a disposizione un servizio efficace di Trading Automatico.

Si tratta del Copy Trading, un sistema di permette di copiare i Trader più bravi e vincenti nella piattaforma. Il meccanismo è facile, adatto anche ai principianti. Consiste nel selezionare i cosiddetti Top Trader attraverso filtri come performance o livello di rischio. In seguito, cliccandoci sopra, la loro operatività verrà replicata nel nostro conto Trading.

Insomma, saranno dei professionisti del settore ad investire per noi! Con quali risultati? Fino ad ora, davvero eccezionali. Ecco un esempio:

Permettere a questi Top Trader di gestire i nostri soldi è una scelta vincente, non solo per principianti ma anche per investitori in cerca di opportunità per far crescere i loro risparmi.

Curioso di testare il servizio (gratuito) di Copy Trading? Clicca nel Link in basso e testalo anche su conto Demo:

Comprare azioni Apple: Andamento 2020

La salita vertiginosa di Apple si nota chiaramente in questo grafico:

Qui il grafico ci mostra una crescita costante del titolo, ma purtroppo a causa dei 4 “split” nella storia del titolo AAPL, non si riesce a capire bene i momenti ribassisti e rialzisti del pre-boom 2000. Ma vediamo di fare chiarezza: Nel Dicembre del 1980, la Apple lanciò l’offerta pubblica iniziale delle sue azioni, vendendo 4.6 milioni di dividendi a 22 dollari l’uno, sul mercato NASDAQ.

Le azioni riuscirono a vendere praticamente all’istante, e generare più capitale di qualsiasi altra IPO fin dai tempi della Ford Motor Company nel 56. All’istante, ci furono circa 30 milionari, tra cui 40 erano impiegati e investitori in Apple. In una giornata, l’azione crebbe del 32 percento, per chiudere a 29 dollari, portando la compagnia ad avere un valore di mercato di oltre 1.778 miliardi di dollari.

Quando il titolo Apple cadde negli anni 90, sotto il livello dei 10 dollari, riuscì poi a risalire sopra i 30 nel boom del 2000. Il titolo salì molto velocemente tra il 2004 e il 2008, e dopo quegli anni Apple iniziò a dare più interesse a gadget come iPod e iPhone, le notizie sui problemi di salute di Steve Jobs aumentarono, e le condizioni economiche precarie portarono il titolo al ribasso tra il 2008 e il 2009, cadendo a 82.33 nel Gennaio del 2009. A settembre 2020 il titolo era già a 667 dollari. Questo ci spiega quanto questa compagnia riesca a riprendersi dalle crisi.

Comprare azioni Apple: Previsioni 2020

Quali sono le previsioni delle azioni Apple? Solitamente, le previsioni per l’azienda di Cupertino sono molto rosee. Questo grazie anche alla sapiente dirigenza, capitanata da Tim Cook, e dal dispositivo che ha più successo tra i fan della mela: l’iPhone.

I dati economici relativi il 2020 nel suo insieme e le trimestrali dal 2020 sono molto positivi. Nel dettaglio, con un fatturato di 258 Miliardi di Dollari (una cifra incredibile!) il colosso di Cupertino ha delle solidissime base su cui reggersi e puntare a nuovi investimenti.

Ancora più nello specifico, di recente sono stati rilasciati i dati inerente il quarto trimestre fiscale, concluso il 28/09/2020. Ebbene, l’azienda ha annunciato un fatturato trimestrale di 64 miliardi di dollari, un incremento del 2% rispetto al trimestre dell’anno precedente. Ancora, un nuovo record dell’utile per azione nel quarto trimestre: 3,03 dollari.

Dati economici da record, nonostante il 2020 è stato un anno segnato dai venti di guerra commerciale tra Usa e Cina. Tuttavia, questa azienda ha avuto una flessione ben minore rispetto a ben noti competitor. Le previsioni Apple sono che la struttura societaria, il forte branding, e l’espansione verso il mercato Cinese, possano garantire una crescita continua del titolo.

Previsioni breve termine

Per quanto concerne l’investimento a breve termine, le previsioni devono tenere molto in considerazione le novità più importanti dell’azienda. Di seguito, elenchiamo le principali previste nel 2020:

  • Lancio di iPhone con la tecnologia 5G
  • Visore AR per la realtà aumentata
  • Processori ARM progettati dalla stessa Apple

Inoltre, occasioni da cogliere al volo, possono essere le nuove acquisizioni, previsioni di bilancio, giudizi da parte di aziende di rating o banche d’investimento. Tutte queste novità solitamente hanno un grande impatto sul titolo, causando effetti immediati sulle azioni Apple.

Previsioni lungo termine

Per l’approccio a lungo termine delle azioni Apple previsioni, è necessario tenere molto conto dei bilanci annuali, in cui si intende partire con l’investimento.

Partendo proprio dai bilanci, è necessario inoltre effettuare degli studi sui mercati dei prodotti “flagship” dell’azienda, come l’iPhone e l’iPad, oltre ad analizzare i dati di consensus degli analisti interno all’azienda, e delle relative previsioni.

Secondo le recenti analisi di analisti ed addetti ai lavori, il titolo Apple raggiungerà la quotazione di $300 entro la fine del 2020.

Comprare azioni Apple: Modello di Business

Apple è senza dubbio sinonimo di innovazione, i suoi elementi più importanti sono la novità che suscitano i suoi prodotti, il design rivoluzionario, il marchio e l’usabilità. I prodotti di Apple hanno cambiato le abitudini dei suoi consumatori, portando inevitabilmente i competitor ad un inseguimento perenne durante gli anni verso “la Mela”.

E’ stato così per l’iPod, un prodotto che in tanti amano anche ora, che dalla data di uscita fino ad oggi non è mai riuscito a trovare un degno rivale (ricordiamo lo Zune di Microsoft soltanto per il suo fallimento nel contrastare iPod), ed è stato così per l’iPad e per l’iPhone.

Questi ultimi due hanno avuto e hanno una schiera di avversari molto agguerriti, grazie al sistema operativo Android di Google. Tuttavia, la frammentazione e l’instabilità di Android rappresenta una grossa zavorra per gran parte delle aziende che vogliono far concorrenza ad un ecosistema solido come quello di iOS. Una società su tutti: Samsung.

Il design gioca un ruolo fondamentale per Apple, la tecnologia prima non era mai associata al design, con i prodotti Apple invece l’aspetto esteriore e il “feel” conta davvero tanto. La Apple è riuscita a penetrare nel mercato di massa anche se il cliente percepisce i prodotti di Apple come “unici”. Apple è anche conveniente e usabile, nel senso che ciò che produce rende più gradevole l’utilizzo per un certo task. Ad esempio, l’iPod è un player musicale che rende gradevole l’acquisto, il download e l’ascolto di musica.

Comprare azioni Apple: Prodotti di punta

Ogni nuovo prodotto è un successo, i suoi iPhone sono gli smartphone più venduto al mondo. Ma Apple non è famosa soltanto per gli iPhone.

Infatti, questa società ha fatto la storia degli anni 80, per poi andare leggermente in ombra a metà della decade successiva, per poi rinascere dal 2000 in poi con una serie di prodotti che hanno cambiato veramente il mondo. Apple c’è sempre stata, magari tempo fa non aveva le stesse vendite stellari di oggi, ma si è sempre impegnata nel creare ottimi prodotti in tutta la sua storia.

Apple si è fatta conoscere, come abbiamo detto, negli anni 80, grazie alla linea di computer Macintosh. Dal 2000 in poi, grazie a prodotti come l’iPod, adesso Apple è conosciuta per i servizi Apple Music, iPhone, il sistema operativo iOS, l’iPad, il MacBook Pro e i Mac fissi, il recente Apple Watch e altri numerosi accessori.

Dal 2020, Apple è diventata una delle più grandi aziende al mondo per capitalizzazione azionaria, e di maggior valore al mondo, davanti proprio a Microsoft, acerrimo rivale della casa di Cupertino.

Apple è quotata al Nasdaq, con il simbolo AAPL.

I dati rilevanti

Quando Apple in realtà vende prodotti a prezzi molto più alti della concorrenza, la gente è disposta a pagare quel “bonus” in più per rimanere “nella stretta cerchia” di clienti Apple che godono di un prodotto che gli semplifica e migliora la vita.

Le principali fonti di guadagno di Apple sono:

  • Vendita di hardware
  • Gli Store online come iTunes Store, Mac App Store, App Store
  • Revenue dalla musica con l’Itunes Store e il più recente Apple Music

I costi sono:

  • Nelle persone impiegate nella creazione dei prodotti
  • Nelle vendite e nel marketing

I canali di vendita sono essenzialmente:

Il mercato target di Apple è quello di massa, seppur vendendo prodotti che vengono contraddistinti per la loro “unicità”.

Comprare azioni Apple: Dividendi

Le azioni Apple hanno dei dividendi molto interessanti, che sono aumentati in maniera generosa nell’era post-Jobs. Solitamente, i dividendi vengono staccati nel mese di Maggio, e vengono calcolati il mese stesso. L’ultimo dividendo, è pari a poco più di 50 centesimi di dollaro: $0.57 .

I dividendi Apple, sono ovviamente in base ai risultati dall’azienda, perciò in previsione di un investimento vanno considerati anche dei dividendi in crescita costante.

Opportunità e rischi di investimento in Apple

I benefici con Apple sembrano infiniti. L’azienda può esplorare in futuro nuove arene, come quella dei videogiochi, la televisione e molto altro ancora. Tuttavia, un rallentamento nella crescita nel mercato degli smartphone potrebbe far male ad Apple, che conta oltre metà dei propri profitti sull’iPhone. La crescita futura di Apple dipende dal rilascio di nuovi prodotti, o prodotti che riusciranno a ridefinire una categoria.

Molti si stanno lamentando del fatto che Apple reinveste i suoi profitti nell’acquisto di azioni proprie (AAPL), invece di reinvestire quei soldi in ricerca e sviluppo, oppure facendo nuove acquisizioni. C’è un grande rischio che l’azienda possa essere incapace, senza il guru Steve Jobs che purtroppo è scomparso qualche anno fa, di sostenere la sua ondata innovativa a causa del rifiuto di investire il denaro di oggi per scoprire la tecnologia del domani.

Apple è sempre stata sinonimo di grande crescita ed innovazione, stupendo tutti con il Mac, rivoluzionando la musica con l’iPod, la telefonia più tardi con l’iPhone e poi con il suo tablet iPad. Ma adesso, nonostante l’Apple Watch, c’è il rischio che Apple possa non riuscire a stare dietro alla concorrenza, sempre se una concorrenza ci sarà… E per adesso, pare proprio che non ci sia.

Azioni Apple prezzo e quotazione in tempo reale

Conclusioni

Ad oggi le azioni Apple rappresentano un’ottima opportunità di investimento, con il titolo in crescita e le previsione per il 2020 con rating positivo. Il tutto è reso ancora più appetibile dalla possibilità di negoziare queste azioni attraverso piattaforme professionali e regolamentate, le quali offrono la formula Zero Commissioni.

I più inesperti, potranno negoziare le azioni Apple anche su un conto Demo gratuito e senza vincoli, scaricabile qui sotto:

Ti potrebbero interessare anche le nostre recensioni sulle azioni delle seguenti società:

Comprare Azioni Apple: Ecco la guida definitiva [2020]

Marzo 25, 2020 by Redazione

Sono tanti i trader che decidono di comprare azioni Apple. Non potrebbe essere altrimenti dato che parliamo di una società che ha rivoluzionato il mondo e che si contraddistingue per la capitalizzazione più alta a livello globale.

Puntare sulle azioni Apple può garantire soddisfazioni interessanti. Quello che conta per porre le basi necessarie a ottenere risultati è prima di tutto non improvvisarsi. Fondamentale è formarsi e, una volta acquisita la giusta confidenza, operare su broker sicuri, come per esempio Investous.

Effettivamente i broker per investire su Apple sono tanti, abbiamo scelto proprio Investous perché è uno dei più semplici e intuitivi in assoluto, quindi anche un principiante è in grado di utilizzarlo senza nessun tipo di problema.

Dopo questa doverosa premessa non possiamo che invitarti a leggere la guida che abbiamo preparato per chi, come te, vuole cominciare a comprare azioni Apple.

Come puoi vedere, qui sotto c’è anche un indice, grazie al quale potrai individuare e approfondire gli argomenti che ti interessano maggiormente.

Migliori Piattaforme per comprare azioni Apple

Iniziamo subito dall’esporre con chiarezza le uniche piattaforme sicure e regolamentate attraverso le quali comprare azioni Apple in sicurezza e soprattutto senza commissioni fisse.

Social Trading (Copia i migliori)

Semplice ed intuitivo

Leva fino a 400 per trader professionisti

Metatrader 4 disponibile

Demo Gratuita Illimitata

Deposito minimo basso

Azioni Apple quotazione in tempo reale

Il grafico qui sopra mostra le quotazioni in tempo reale delle azioni Apple.

Azioni Apple Borsa: panoramica generale della società

Prima di entrare nel vivo dei consigli pratici per comprare azioni Apple, parliamo delle caratteristiche principali della società. Apple Inc., inizialmente conosciuta come Apple Computer, è una società fondata nel 1976 da Steve Jobs e Steve Wozniak. Il gruppo, specializzato nella produzione e commercializzazione di computer, ha rivoluzionato il mondo dell’informatica prima e la cultura in generale dopo.

Ad Apple dobbiamo per esempio il leggendario computer Macintosh. In anni più recenti, il gruppo di Cupertino ha cambiato il volto del modo di lavorare e comunicare con device come l’iPod, l’iPhone e l’iPad.

Oggi come oggi, Apple ha più di 6000 dipendenti nel mondo e propone i suoi prodotti anche grazie agli Apple Store, che sono più di 300 in tutto il mondo e si trovano in 12 Paesi. Il successo della mela morsicata è innegabile. Allo stesso modo è impossibile non riconoscere la presenza di concorrenti molto agguerriti, che minacciano la sua indiscussa posizione di leadership.

In questo novero è possibile includere senza dubbio Samsung, un player di indiscussa importanza nel settore degli smartphone. Negli ultimissimi tempi, si sono fatti strada anche altri colossi, come per esempio HTC e Huawei.

Concorrenti di Apple

Per quanto riguarda i computer, tra i principali concorrenti di Apple è possibile includere indubbiamente Microsoft. L’azienda fondata da Bill Gates, infatti, propone al mercato il sistema operativo Windows, concorrente diretto del Mac.

Degne di citazione sono anche le numerose partnership che, nel corso degli anni, il gruppo di Cupertino ha stipulato con diverse realtà nel mondo della tecnologia. In questo novero è possibile includere Cisco, un colosso con il quale l’azienda fondata da Steve Jobs ha stipulato una partnership con lo scopo di sviluppare delle soluzioni d’impresa. Per le soluzioni di impresa mobile, invece, Apple ha siglato un accordo con IBM.

In entrambi i casi l’obiettivo è stato quello di consolidare la presenza del brand della mela in ambito business, un comparto nel quale ha ancora bisogno di prendere terreno rispetto ad altri marchi tecnologici.

Azioni Apple Nasdaq: consigli per trattarle

Quando si parla di consigli dedicati a chi vuole comprare azioni Apple, è il caso di dire che puntare su questa società rappresenta una buona idea. Il volume di affari di Apple, i cui titoli sono quotati sul Nasdaq (ci muoviamo in ambito tecnologico non dimentichiamolo), è infatti in continua crescita.

Per capire meglio come vanno le cose si possono prendere in considerazione strumenti di grande importanza, ossia i grafici. Osservandoli si può notare che, dal 2005 ad oggi, il titolo Apple è stato interessato da una crescita costante estremamente volatile. Non esiste un caso simile in tutto il mercato borsistico. Le azioni della società fondata da Steve Jobs sono state coinvolte da micromovimenti sia al rialzo, sia al ribasso. Il primo picco è arrivato nel 2007. Dal 2020, invece, la crescita è stabile e costante al rialzo.

Società con la maggior capitalizzazione borsistica al mondo, Apple ha anche dei contro per gli investitori che vogliono acquistare i titoli. Prima di tutto è il caso di ricordare che si tratta di titoli molto richiesti dai trader, motivo per cui è facile che diventino estremamente speculativi.

I suoi prodotti di punta

Molto reattivi alle configurazioni grafiche, possono essere coinvolti in cambiamenti anche importanti nel breve periodo. Un altro aspetto degno di nota riguarda la dipendenza dai prodotti di punta, ossia iPhone e iPad. La Apple ha un successo mai visto nel mercato, ma è tutto concentrato attorno a questi prodotti. In molti casi, infatti, si è parlato dell’opportunità di una strategia di diversificazione e di una innovazione che, da qualche anno a questa parte, fa fatica a emergere soprattutto nel comparto telefonia, quello maggiormente al centro dell’attenzione degli utenti.

Un altro aspetto indubbiamente critico riguarda la fascia di prezzi molto ristretta e alta. Apple, a differenza di altri concorrenti, intercetta quindi solo un segmento di mercato e fa non poca fatica a posizionarsi in fascia media e bassa. Tutto questo va assolutamente considerato se si vuole avere una panoramica completa e consapevole. Tra gli altri consigli da considerare troviamo l’importanza di tenere sotto controllo l’offerta ai professionisti, un comparto che Apple deve ancora consolidare.

Altrettanto rilevante è osservare la capacità di penetrare il mercato di gamma media, per non parlare dei Paesi ancora difficili da raggiungere per via della forte concorrenza di prezzo. Essenziale è pure prendere in esame i possibili scandali legati alla strategia di marketing eccessivamente aggressiva, per alcuni ai limiti della mancanza di etica.

Il vantaggio dei Contratti CFD

Quanto appena descritto è fondamentale in quanto permette di gettare basi utili per capire l’andamento dei titoli, essenziale per operare con i CFD. I Contracts for Difference sono strumenti derivati che consentono di operare senza acquistare l’asset, ma considerando il suo andamento. Vediamo meglio i dettagli nelle prossime righe.

Azioni Apple CFD: come fare trading

I CFD, come già detto, permettono di fare trading con le azioni Apple senza bisogno di acquistarle. Il trader che li sceglie, guadagna sulla differenza di prezzo tra l’apertura e la chiusura di una posizione. Ovviamente si tratta di differenza di prezzo del Contratto per Differenza, motivo per cui, prima di tutto, si risulta tutelati dalla volatilità.

In secondo luogo, è il caso di ricordare che, con i CFD, è possibile trarre profitto anche in caso di perdita di quota da parte dell’asset. Quello che conta, infatti, è aprire la posizione giusta tra long (acquisto) e short (vendita). Utilizzando questi strumenti, si elimina quindi il problema delle perdite in caso di situazione negativa di un asset.

Il concetto di Leva finanziaria e Stop Loss

Fondamentale è ricordare anche il fatto che i CFD sono estremamente economici. L’unico onere di cui tenere conto è infatti lo spread, ossia la differenza tra bid e ask. Hanno però anche un rovescio della medaglia non indifferente, ossia la leva finanziaria. Questo moltiplicatore permette infatti di esporsi sul mercato con una somma più alta rispetto a quella effettiva del deposito. In questo modo si riescono ad amplificare i guadagni, ma vale lo stesso anche per le perdite.

Per questo motivo è essenziale familiarizzare al meglio con i meccanismi di Stop Loss, che indicano al broker il momento preciso per arrestare le perdite.

In ogni caso i CFD rappresentano una valida soluzione per fare trading sui titoli di un’azienda come Apple che, come abbiamo appena visto, è caratterizzata da numerosi punti forti ma anche da punti deboli che possono mettere a rischio il valore delle azioni.

Sono strumenti legali e semplici da utilizzare, che devono però essere considerati nell’ambito di contesti come i broker online, portali legali e controllati grazie ai quali è possibile tradurre in pratica le proprie strategie di trading online.

Vediamo nelle prossime righe perché è il caso di sceglierle e, nello specifico, quali sono le peculiarità di Investous.

Come comprare azioni Apple su Investous: guida passo passo

Comprare azioni Apple su Investous è un’ottima idea in quanto si parla di un broker autorizzato e regolamentato (quindi sicuro). Elencare le sue caratteristiche è molto utile per capire come orientarsi nella scelta dei vari broker.

Prima di tutto, è il caso di ricordare che Investous] è un broker assolutamente legale. Dotato di licenza Cysec e autorizzazione da parte della Consob, è controllato a livello internazionale e risponde alle normative che, da una decina d’anni, regolamentano il trading online.

Il punto fondamentale di Investous è la sua assoluta semplicità: offre un’interfaccia semplice e intuitiva e, soprattutto, tutti gli iscritti possono farsi assistere al telefono da un vero esperto di mercati finanziari. Grazie ai consigli di questo esperto è letteralmente impossibile sbagliare.

Offerta formativa specializzata

Inoltre, Investous offre gratuitamente a tutti gli iscritti una guida eccezionale che spiega con parole semplici e in modo pratico come si guadagna con i mercati finanziari.

Questa guida ha avuto centinaia di migliaia di download proprio perché spiega davvero come si guadagna sui mercati finanziari: la maggior parte delle altre guide non solo sono a pagamento (e spesso costano tanto) ma non spiegano nulla di pratico. Inoltre spesso sono scritte in un linguaggio complesso che un principiante non può capire.

Un’altra caratteristica interessante e fondamentale per un broker sicuro è la gratuità. Investous non richiede commissioni, ma guadagna solo dallo spread, ossia la differenza tra bid e ask.

Il conto Demo

Questo broker, come tutti gli altri del medesimo livello e che considerano con la stessa attenzione l’aspetto legale, permette di aprire un conto demo. Questo è importantissimo. Grazie al conto senza denaro reale, è infatti possibile esercitarsi senza mettere a rischio il proprio capitale e acquisire la giusta confidenza con la piattaforma e l’asset.

Dopo 2/3 ore di utilizzo, però, è altamente consigliabile abbandonare il conto demo e fare il salto di qualità. Solo con il conto con denaro reale è infatti possibile interfacciarsi con il vero volto del trading online, fatto da un rischio che è impossibile eliminare ma che bisogna imparare ad affrontare.

Detto questo, possiamo entrare nel vivo dei passi da seguire per aprire il conto demo, la soluzione indubbiamente migliore per iniziare.

Investous demo: come aprirlo per iniziare a fare trading con le azioni Apple

Entriamo nel vivo dei consigli pratici per comprare azioni Apple parlando di come aprire il conto demo. Si inizia cliccando sul pulsante “Inizia a fare trading adesso”. A questo punto si apre una pagina che permette di scegliere la modalità di conto e di scaricare l’app dedicata.

Una volta scelta la modalità demo, basta confermare i propri dati.

Come puoi vedere, aprire e chiudere le posizioni è molto semplice. Lo stesso vale per la visione degli ordini e delle posizioni aperte e chiuse. Ribadiamo che dopo qualche ora è il caso di aprire il conto con denaro reale. Per farlo, è sufficiente effettuare un deposito minimo di 100 euro, in quanto Investous è un broker market maker.

I soldi in questione vengono custoditi su conti ad hoc, in modo da tutelare i fondi degli utenti in caso di problemi al broker.

Capire il Money Management

Tenendo conto di queste indicazioni è possibile cominciare a comprare azioni Apple (la terminologia non è delle più corrette ma dopo aver parlato dei CFD le cose sono chiare). Per farlo è utile mettere in atto alcune strategie, come per esempio il Money Management. In cosa consiste? Nella divisione del capitale in più parti, ciascuna delle quali va assegnata a un asset o a una singola operazione. In generale, si dovrebbe evitare di puntare più del 5% ogni volta.

Non c’è che dire: le opportunità per fare trading con le azioni Apple sono molto interessanti. Quello che conta, ribadiamo, è scegliere broker legali e ricordare che, sia quando si decide di comprare azioni Apple sia quando si opera con altri asset, il trading online non garantisce in alcun modo guadagni certi e che chi dice il contrario mente sapendo di mentire.

Comprare azioni Apple Previsioni

Come intuibile, acquistare azioni Apple è stato un ottimo affare per diversi anni. Nonostante un Brand noto e globale, le sue azioni continuavano a salire grazie a nuovi prodotti ed un Business estremamente solido.

Basti pensare che in solo due anni, dal 2020 al 2020, il valore delle azioni è triplicato: da $100 fino a $300.

Ovviamente, periodi di incertezza come quelli dovuti al coronavirus hanno ripercussioni generali sui mercati finanziari ed Apple non può essere immune a ciò. Tuttavia, osserviamo dal grafico che la caduta non è stata rovinosa come per molte altre aziende:

Molte aziende hanno bruciato un intero anno di rialzi, al contrario Apple ha avuto una discesa più contenuta. Inoltre, dal momento che l’emergenza sanitaria non ha un collegamento diretto con problemi -strutturali- del Business di Apple, gli analisti del Desk di eToro ipotizzano un pronto recupero già entro la prima metà del 2020.

Azioni Apple Target Price

Quale Target Price? Ad oggi certamente è possibile individuarlo in $300/azione, sui valori pre-crisi insomma.

La differenza, in questi casi, la fa il tempo che Apple impiegherà a raggiungere questo Target. Molto dipenderà dalla fine dell’emergenza sanitaria causata dal covid-19. Tuttavia, ipotizzare una quotazione di $300 entro la fine dell’estate è uno scenario realistico.

In conclusione

Le azioni Apple possono essere una grande idea di investimento e quindi comprare azioni Apple può generare profitti elevati (così come comprare azioni Amazon). E’ importante sottolineare, però, che non esiste nessun asset finanziario che può crescere sempre.

Per questo motivo, chi decide di investire deve sapere che esiste anche la possibilità di operare mediante vendita allo scoperto, un’operazione speculativa che consente di guadagnare quando il valore di un’azione scende.

Qui sotto, elenchiamo le migliori piattaforme sicure e gratuite per comprare azioni Apple senza commissioni:

Miglior broker di opzioni binarie 2020:
  • BINARIUM
    BINARIUM

    Il miglior broker di opzioni binarie!
    Allenamento gratuito!
    Ideale per i principianti!
    Ottieni il tuo bonus di iscrizione!

Like this post? Please share to your friends:
Enciclopedia delle opzioni binarie
Lascia un commento

;-) :| :x :twisted: :smile: :shock: :sad: :roll: :razz: :oops: :o :mrgreen: :lol: :idea: :grin: :evil: :cry: :cool: :arrow: :???: :?: :!: