«Se non avete vinto il premio stanotte, ma soprattutto se lo avete vinto, non preoccupatevi: avrete più fortuna l’anno prossimo». Al Sanders Theater dell’Università di Harvard sono stati assegnati i premi IgNobel alle scoperte scientifiche più divertenti, pazze e ironiche. Ma non per questo meno serie: «prima fanno ridere, poi fanno pensare», come dice il motto della manifestazione.

Chimica. L’IgNobel per la Chimica è andato ai ricercatori portoghesi che hanno quantificato il potere pulente della saliva umana.

Gli studiosi Paula Romão e Adília Alarcão, dell’équipe del compianto chimico César Viana della University of Lisbon, hanno scoperto che, rispetto ai comuni solventi, la saliva era il detergente migliore, in particolare per le superfici dorate. I ricercatori hanno attribuito il suo potere levigante a un enzima.

Biologia. Una mosca in un bicchiere di vino è sempre un ospite sgradito. Ma è stato scoperto che bastano quantità infinitesimali (un nanogrammo) di un feromone prodotto dalle femmine del moscerino della frutta per conferire al vino un sapore e odore sgradevoli. Lo hanno dimostrato i ricercatori dell’Università svedese di scienze agrarie guidati da Peter Witzgall dell’Università svedese di scienze agrarie.

Nutrizione. L’archeologo dell’Università di Brighton James Cole ha portato a casa l’IgNobel per avere calcolato che una dieta cannibale apporta molte meno calorie rispetto a base di carne non umana. Per questo, conclude Cole, è possibile che i cannibali paleolitici abbiano banchettato con petti e cosce dei loro compagni per ragioni estranee ai bisogni nutrizionali.

Economia. Un team guidato dalla psicologa della Wilfrid Laurier University Lindie H. Liang ha vinto l’IgNobel per l’Economia «per avere indagato l’efficacia, per i dipendenti, di usare le bambole voodoo per vendicarsi contro i capi opprimenti». Il risultato è rincuorante: le ritorsioni sulle bambole voodoo fanno davvero sentire meglio i dipendenti.

Medicina. I medici Marc Mitchell e David Wartinger hanno scoperto che le montagne russe possono aiutare le persone a espellere i calcoli renali. Dopo 20 giri sulla giostra, la probabilità di farlo arriva al 64%.

Medicina riproduttiva. Il premio è andato agli urologi John Barry, Bruce Blank e Michel Boileau, che hanno utilizzato i francobolli per testare le erezioni notturne, e valutare l’impotenza.

Educazione medica. Il comitato IgNobel ha consegnato il premio al gastroenterologo Akira Horiuchi per il suo rapporto «Colonscopia in posizione seduta: lezioni apprese dall’autocolonoscopia». «Nella nostra esperienza l’auto-colonscopia si è mostrata essere non solo possibile, ma anche semplice ed efficiente».

Antropologia. Gli scienziati cognitivi della Lund University, Gabriela-Alina Sauciuc e colleghi, hanno meritato il premio «per aver raccolto prove, in uno zoo, che gli scimpanzé imitano gli umani tanto quanto gli umani imitano gli scimpanzé».

Letteratura. Per un documento che dimostra che la maggior parte delle persone non legge il manuale di istruzioni quando usa strumenti complicati, un team di Queensland University of Technology guidato da Alethea L. Blackler ha ottenuto il premio.

Pace. Il premio IgNobel per la Pace è stato assegnato a una squadra dell’Università di Valencia, l’Istituto di ricerca universitaria sul traffico e la sicurezza stradale, per avere misurato «la frequenza, la motivazione e gli effetti di urla e imprecazioni mentre si è alla guida di un’automobile».

LEGGI ANCHE

IgNobel, le 10 ricerche scientifiche più bizzarre

LEGGI ANCHE

L’Italia trionfa agli Ignobel 2014. Tutti i premi

LEGGI ANCHE

Ignobel 2016, gambe da capra e topi coi pantaloni



Continua a leggere