Dopo un venerd di super lavoro, con due match giocati per tutti i big, al Masters 1000 di Cincinnati (Usa, cemento, 5.699.360 dollari) tempo di semifinali. Nella tarda serata italiana in campo Novak Djokovic e Marin Cilic. Nole, dopo aver piegato al termine di due battaglie Grigor Dimitrov e Milos Raonic, sembra del tutto recuperato mentalmente dal k.o. con Tsitsipas la settimana scorsa. E adesso il serbo punta a raggiungere la finale di Cincinnati per la sesta volta in carriera, dopo aver per perso tutte le cinque finali giocate finora dopo aver vinto tutte le semifinali. C’ una ragione in pi per battere Cilic stasera: Djokovic ha nel mirino il “Golden Masters”. Il n.1 serbo ha infatti vinto tutti e otto gli altri titoli Masters 1000 nella sua carriera, manca Cincinnati. Non sar semplice contro Cilic stasera…

‘);
}

L’attuale numero 7 al mondo ha sbrigato le pratiche Khachanov e Carreno Busta, affidandosi a un servizio che funziona a meraviglia. Per Cilic la serie a Cincinnati di nove vittorie consecutive a Cincinnati Masters, contando l’edizione vinta nel 2016. I precedenti dicono 14-2 per Djokovic, ma le due vittorie di Cilic sono arrivate le ultime due volte. E nella notte italiana sar la volta del match Federer-Goffin. Dopo aver battuto Mayer e poi rimontato e battuto il connazionale Stan Wawrinka in un venerd’ intenso, per Federer sar una semifinale tosta e da gestire con oculatezza sul piano fisico. L’obiattivo giocare l’ottava finale a Cincinnati (vinte tutte le altre 7), dove Re Roger non perde da 13 partite e non perde il servizio dal 2014 con David Ferrer: siamo a 89 game serviti senza venir brekkato a Cincinnati. Di Fronte un Goffin apparso solido e concreto: battuti Tsitsipas, Kevin Anderson e Del Potro, ora arriva la sfida pi grande per il belga numero 11 al mondo.



donne
Nel torneo femminile Kiki Bertens la prima finalista. La giocatrice olandese, numero 17 del mondo, ha sconfitto in semifinale la ceca Petra Kvitova, 6 del ranking Wta e 8 del seeding, col punteggio di 3-6 6-4 6-2, dopo un’ora e 56 minuti. A seguire la numero 1 al mondo, la romena Simona Halep, se la vede con la sorpresa di questo torneo, la bielorussa Aryna Sabalenka (34 Wta). La Halep, mai vincitrice a Cincinnati (perse le finali del 2015 e 2017) punta al bis dopo la vittoria di Montreal come miglior viatico possibile agli US Open. Occhio alla 20enne Sabalenka, che dopo aver battuto Madison Keys certa di entrare fra le prime 30 al mondo, ma se vincer il torneo salir fra le Top 20. L’Unico precedente non promette bene per la bielorussa: a Shenzen quest’anno la Halep ha divorato l’avversaria in 57 minuti.

 Gasport 

© riproduzione riservata



Continua a leggere