Morsi e graffi di animali possono causare infezioni come rabbia, tetano, malattia da graffio di gatto, tigna e scabbia. Si possono contrarre anche solo con un banale contatto di saliva di animali infetti.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la rabbia è ampiamente diffusa in tutto il globo e si stima che ogni anno, a causa di questa malattia, muoiano più di 55 mila persone. Di questi decessi, il 95% si registra in Asia e Africa. Il 99% dei casi di rabbia nell’uomo dipendono da rabbia canina e circa il 30-60% delle vittime di morsi di cane sono soggetti minori di 15 anni.

«La rabbia – sottolinea Susanna Esposito, ordinario di Pediatria all’Università degli Studi di Perugia e presidente dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici, WAidid – è una malattia molto pericolosa per l’uomo e quasi sempre mortale. Se si sta programmando un viaggio, soprattutto in Paesi endemici, tutta la famiglia dovrebbe accertarsi di essere stata vaccinata contro il tetano con un richiamo  effettuato nei 10 anni precedenti la partenza. La vaccinazione antirabbica pre-esposizione, invece, è raccomandata soltanto in casi di reale rischio di malattia, molto raro».

Di seguito i consigli di WAidid su come riconoscere le infezioni più diffuse causate da morsi, graffi e saliva di animali.



Continua a leggere