Caitlyn Jenner, nata Bruce e diventato padre di Kylie e Kendall Jenner, ha lanciato la propria provocazione. «Vorrei interpretare la ragazza più cazzuta che si sia mai vista. La più cattiva, in un film Marvel», ha detto a Variety Caitlyn Jenner, la cui notorietà è legata, indissolubilmente, al clan Kardashian. «Nei fumetti, ci sono donne spettacolari, regine cattive. Tutto sta nel rifarmi il trucco e il look. La voce profonda, quella ce l’ho», ha continuato la Jenner, la cui transizione da atleta olimpico a donna è stata seguita passo passo dai media di mezzo mondo.

LEGGI ANCHE

Bruce Jenner si confessa in TV

«Mi piacerebbe tornare a recitare», ha detto, ricordando i tempi in cui, come Bruce Jenner, figurava nella serie tv Chips. «Sto lavorando su qualcosa al momento». Qualcosa con un cast interamente composto da attori transessuali, ha spiegato, senza nulla rivelare sul contenuto della produzione. «Dovrete aspettare e poi vedere», ha continuato, rivelando al magazine statunitense di volersi battere per i diritti dei trans. Dietro le quinte, però, così che i paparazzi e l’opinione pubblica non possano prenderla di mira.

LEGGI ANCHE

Caitlyn Jenner sfida Trump

Caitlyn Jenner, la cui storia è stata raccontata nel docu reality I am Cate, ha giurato di voler fare di più. Di voler fare la differenza, di voler spingere la Casa Bianca, l’amministrazione Trump a riconoscere parità di diritti e trattamenti alla comunità transessuale. Il cinema potrebbe, perciò, essere un buon mezzo di comunicazione: uno strumento attraverso il quale far sentire la propria voce.

E, nella Hollywood delle rivendicazioni, dove la comunità trans ha chiesto la testa di Scarlett Johansson perché scelta per interpretare un transgender, l’ipotesi di Caitlyn Jenner, come cattiva Marvel e capofila degli attori in transizione, suona alquanto plausibile.

LEGGI ANCHE

Caitlyn Jenner: «Basta bugie, adesso sono libera»

LEGGI ANCHE

Caitlyn Jenner: «Trump, non difendevi i transgender?»



Continua a leggere