Se i tedeschi fossero un popolo superstizioso, avrebbero dovuto sapere che il disastro era dietro l’angolo. Perché? Perché non c’è due senza tre e le ultime due squadre campioni del mondo prima di loro sono state eliminate al primo turno nel campionato del mondo successivo. È successo all’Italia in Sudafrica e alla Spagna in Brasile. Oggi tocca alla Germania in Russia per mano (nel caso del calcio sarebbe meglio dire gambe) della Corea del Sud.

È la maledizione dei campioni uscenti. A Kazan vittoria degli asiatici per due a zero in pieno recupero coi gol di Kim e Son. Nel girone passano Messico e Svezia.

È anche un po’ questione di karma. I tedeschi non avevano risparmiato sberleffi e commenti dopo la mancata qualificazione degli azzurri. «”Chi vincerà il mondiale?” “L’Italia!”» aveva risposto ridendo Bastian Schweinsteiger. «Se compri un televisore e l’Italia vince il Mondiale, te lo regaliamo» ironizzava Mediaworld Germania. Anche a loro è toccata una «fatal Corea» come all’Italia nel 1966, quella del Nord, e nel 2002, quella del Sud.

Sfoglia gallery

Da parte loro i coreani festeggiavano come avessero vinto la coppa del mondo per aver battuto i campioni uscenti, anche se a casa ci andranno anche loro. Con la soddisfazione però di aver relegato all’ultimo posto del girone i tedeschi che già erano stati battuti dal Messico all’esordio e avevano vinto sulla Svezia che, ironia della sorte, supera il turno da prima del gruppo F battendo i messicani 3 a 0.

La Germania non era mai stata eliminata nella prima fase di un Mondiale e dal 1982 era sempre arrivata ai quarti di finale. Insomma un dramma epico a Berlino e dintorni. Il peggior risultato tedesco nella storia della Coppa del Mondo erano finora gli ottavi di finale del 1938. Non più.

Se per i tedeschi è disastro, per il resto del mondo, anche senza voler essere cattivi, è un raggio di speranza. C’è una Corea per tutti e si sopravvive (noi lo sappiamo) e soprattutto il calcio non è quello sport dove ci sono 22 giocatori in campo e poi vince sempre la Germania. Non sempre. Almeno una volta è successo anche alla Germania di uscire al primo turno di un mondiale e meritatamente perché i tedeschi non hanno quasi mai tirato in porta non facendo quasi nulla per evitare la sconfitta. Dovevano vincere e non ce l’hanno fatta. Succede anche ai tedeschi.

LEGGI ANCHE

I calciatori più fedeli di sempre (alla maglia)

LEGGI ANCHE

Maradona show, una notte di meme mondiali

LEGGI ANCHE

Sognando Beckham (o Cabrini): i calciatori più amati della storia dei Mondiali

LEGGI ANCHE

11 cose che ci hanno fatto amare il cinquantenne (oggi) Paolo Maldini

LEGGI ANCHE

Totò Schillaci: «Troppi stranieri in Serie A. Così le nostre notti magiche non torneranno più»

LEGGI ANCHE

Eliminata la «bella» Islanda? Nessun problema, c’è Mats Hummels

LEGGI ANCHE

Tra Thor e Beckham, ecco Rurik Gislason: il giocatore più bello del Mondiale

LEGGI ANCHE

Dall’autolavaggio ai Mondiali: il sogno di Beiranvand è diventato realtà

LEGGI ANCHE

Petto di pollo e cinque riposini al giorno. Come si diventa CR7

LEGGI ANCHE

Hervé Renard, re d’Africa: è lui l’allenatore «più bello» del Mondiale

LEGGI ANCHE

Senegal, una lezione Mondiale: i tifosi puliscono lo stadio dopo la partita

LEGGI ANCHE

Siamo tutti un po’ Messi: aspiranti campioni, che toppano gli appuntamenti decisivi con la vita

LEGGI ANCHE

Russia 2018, da Kazan a San Pietroburgo il lusso dei ritiri mondiali

LEGGI ANCHE

Russia 2018, tocca a Germania e Brasile. E il pensiero torna a quel 7-1

LEGGI ANCHE

Il Mondiale dei tatuaggi? Lo ha già vinto l’Islanda

LEGGI ANCHE

Ora o mai più: Cristiano Ronaldo va a caccia del Mondiale

LEGGI ANCHE

Russia 2018: Marocco-Iran, la partita di fine Ramadan

LEGGI ANCHE

Foglie di coca e mummie inca: così Paolo Guerrero è arrivato al Mondiale

LEGGI ANCHE

È il gatto Achille l’indovino dei Mondiali in Russia

LEGGI ANCHE

Russia-Arabia Saudita, la gara inaugurale più «scarsa» di sempre

LEGGI ANCHE

Mondiale 2018, proposte semiserie per decidere per chi tifare

LEGGI ANCHE

Russia 2018, il mondiale delle maglie lo ha già vinto la Nigeria

LEGGI ANCHE

Russia 2018, lo show di Robbie Williams alla cerimonia d’apertura

LEGGI ANCHE

Il gol di Natalia (Vodianova)

LEGGI ANCHE

Ilary Blasi e Belén Rodriguez: regine dei Mondiali targati Mediaset

LEGGI ANCHE

Alfred Gomis, l’unico italiano al Mondiale: «Porterò il tricolore»

LEGGI ANCHE

Calcio, l’Italia delle donne va al mondiale

LEGGI ANCHE

Russian style: in stile matrioska per i Mondiali

LEGGI ANCHE

Un Mondiale poco azzurro, come un bicchiere (di vodka) mezzo vuoto

LEGGI ANCHE

Russia 2018, come seguire i Mondiali di calcio in tv e sui social





Continua a leggere