«Vincent Paul Abbott alias Vinnie Paul ci ha lasciato. Non sono disponibili ulteriori dettagli. La famiglia chiede per favore che venga rispettata la privacy». Con questo breve messaggio sulla pagina Facebook dei Pantera è arrivata la notizia della scomparsa del batterista e co-fondatore della band metal, autrice di successi come Cemetary Gates.

Nato in Texas, Vinnie Paul aveva fondato il gruppo nel 1981 col fratello “Dimebag” Darrell Abbott (e il bassista Rex Brown), tragicamente assassinato da un fan squilibrato nel 2004 durante un live a Columbus, in Ohio, dei Damageplan, la band che i fratelli Abbott avevano fondato nel 2004, un anno dopo lo scioglimento dei Pantera.

Vincent aveva cominciato da adolescente a suonare cover dei Kiss e dei Van Halen. Il primo disco della band, Metal Magic, risale al 1983, ma il successo arriva negli anni ’90, con l’arrivo alla voce di Phil Anselmo. Il loro album Vulgar Display of Power occupa il numero 10 nella lista dei Great Metal Albums di Rolling Stone. La sua divisa è sempre stata un cappello da cowboy nero, il pizzetto, una giacca di pelle nera e i capelli lunghi sciolti sulle spalle.

«Un altro eroe del metal che se n’è andato troppo presto», ha scritto Dave Mustaine dei Megadeth su Twitter, «Saluta Daryl per me, riposa in pace, mio ​​caro amico!».





Continua a leggere