Italia, sfida al Brasile per chiudere in bellezza. Vincere per l’onore – OA Sport


Ora si gioca solo per chiudere in bellezza e per lasciare la competizione con il sorriso. Questa sera (ore 20.00) l’Italia affronterà il Brasile nell’ultima giornata della Nations League 2018 di volley femminile. Le azzurre scenderanno in campo al PalaSele di Eboli (Salerno) con la certezza di non poter più conquistare la qualificazione alla Final Six del prestigioso torneo internazionale: non sono bastate sette vittorie consecutive (tra cui quelle contro Cina, Olanda e Serbia) per permettere alla nostra Nazionale di rimanere in corsa fino all’ultimo minuto. I risultati di Olanda e Turchia hanno tagliato le gambe alla formazione del CT Davide Mazzanti che, già certa del sesto posto in classifica generale, vuole regalare una gioia al proprio pubblico e chiudere la competizione con un successo di prestigio contro la corazzata verdeoro, dando così un segnale importante in vista dei Mondiali che scatteranno tra poco più di tre mesi.

Dovremo fare a meno della schiacciatrice Elena Pietrini, esplosa nelle ultime settimane ma che è stata chiamata per giocare le Finali Scudetto U18 (scelta molto discutibile) al pari della centrale Marina Lubian. Si punterà allora sui punti di Paola Egonu che dovrebbe giocare in diagonale con Ofelia Malinov, Lucia Bosetti di banda probabilmente affiancata da Camilla Mingardi, al centro Cristina Chirichella e Anna Danesi, Monica De Gennaro il libero. Questa partita ha poco da dire per entrambe le squadre (le sudamericane sono già ammesse alla Final Six), in palio solo l’onore in una grande classica della pallavolo internazionale. Il Brasile può contare sui muri di Adenizia (in forza a Scandicci), sui grandi attacchi di Rosamaria e Tandara, sulla grande verve di Ana Beatriz e Ana Carolina. Sfida appassionante e avvincente anche se avrà i contorni dell’amichevole.

 

(foto FIVB)

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter







Continua a leggere