Cento maestri artigiani riuniti per quattro giorni nel seicentesco Giardino Corsini di Firenze. Con un duplice obiettivo: mettere in mostra l’eccellenza del fatto a mano e raccogliere fondi per il Museo di Doccia, della Manifattura Richard Ginori, a Sesto Fiorentino, chiuso dal 2014 e, anche grazie all’impegno del Mibact, prossimo alla riapertura.

questa la semplice, e allo stesso tempo molto ricca e sfaccettata, identit di Artigianato e Palazzo, storica manifestazione fiorentina la cui 24esima edizione si apre oggi, per chiudersi domenica 20 maggio. Ci parso doveroso organizzare una grande raccolta fondi per la prossima riapertura del Museo per permettere a una collezione di valore inestimabile di tornare ad essere fruibile al grande pubblico, hanno detto gli organizzatori Giorgiana Corsini e Neri Torrigiani.

Artigianato e Palazzo offrir ai visitatori l’opportunit di vedere la collezione Ginori, protagonista della mostra “La trasmissione del sapere – dalla madre terra all’opera d’arte”. Un’esposizione pensata per svelare le varie fasi di produzione delle porcellane , un processo artigianale che affonda le proprie radici nella storia della manifattura italiana. La Richard Ginori, infatti, stata fondata nel 1735.

Dal passato al futuro: continua l’impegno di Artigianato e Palazzo a sostegno dei giovani artigiani, con la quinta edizione di “Blogs&Crafts” che premia 10 talenti del fatto a mano italiano under 35, in collaborazione con Fondazione Ferragamo, Barberino Designer Outlet, Starhotel e Source.

© Riproduzione riservata



Continua a leggere