Elezioni amministrative: Forum famiglie Campania, proposta a futuri sindaci e consiglieri una Carta di impegno in 12 punti


Città a misura di bambini. E di famiglia. È ciò che chiede il Forum delle associazioni familiari della Campania ai candidati alle Amministrative del prossimo 10 giugno. Stasera alle 21, in una diretta Fb che sarà trasmessa dalla pagina Forum famiglie Campania, il Forum lancerà un appello ai futuri sindaci e consiglieri dei Comuni al voto affinché aprano finalmente l’attività amministrativa a politiche familiari moderne e incisive. Le proposte del Forum, compendiate in 12 punti nella Carta di impegno (che si può consultare sul sito campania.forumfamiglie.org), finalizzate a interventi di breve e lungo periodo, riguardano tra l’altro una fiscalità attenta agli effettivi carichi familiari con un correttivo del modello Isee (il cosiddetto Fattore Famiglia) di cui tenere conto nella tariffazione di servizi quali le mense scolastiche, gli asili nido, il trasporto scuolabus ecc., e nella tassazione locale. Ma riguardano anche il sostegno alle relazioni familiari e al ruolo genitoriale con il potenziamento dei Centri per la famiglia, iniziative a favore dei nuclei con persone non autosufficienti, la facilitazione dell’accesso ai servizi, l’integrazione delle famiglie immigrate, la valorizzazione dell’associazionismo. Particolare attenzione è destinata a un pacchetto di interventi strutturali a favore della natalità e della prima infanzia che daranno attuazione materiale al Patto per la natalità, promosso dal Forum nazionale delle associazioni familiari. “Questa emergenza – spiega Marco Giordano, presidente del Forum delle associazioni familiari della Campania – è ancora più evidente nella nostra Regione. In Italia se fai figli diventi più povero. Questo dato in Campania è raddoppiato. Così come sono ancora più sconfortanti che nel resto del Paese i dati relativi all’occupazione femminile che mostrano quanto qui sia ancora più ingiusta e senza appello la scelta tra la maternità e il lavoro. Anche perché è drammatica la carenza dei servizi. Gli asili nido, per esempio, coprono appena il 2% del fabbisogno regionale. Amministrare bene le nostre città non può prescindere dalla cura del benessere delle famiglie e dal sostegno alla natalità e all’infanzia. Solo così potremo ridare speranza alla nostra Regione, rinvigorirne l’apparato produttivo e darle opportunità di crescita. “Ai futuri amministratori dei 95 comuni campani al voto chiediamo perciò di includere almeno 3 punti della nostra Carta di impegno nel loro programma elettorale e di realizzarli in caso di elezione”, conclude Marco Giordano.



Continua a leggere