Moltissimi lavoratori sono esposti a rumori eccessivi. Ora un’analisi americana avverte che non c’è “solo” il nostro udito a rischio

Per anni ci si è concentrati sui danni all’udito per chi lavora in luoghi particolarmente rumorosi. Ora un nuovo studio commissionato direttamente dal governo degli Stati Uniti ha rivelato che il rumore alto è associato anche a un aumento della pressione sanguigna e dei valori del colesterolo. Scopri qui quando il colesterolo è alto 

I risultati della ricerca, portata avanti dal National Institute for Occupational Safety and Health – l’istituto nazionale americano per la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro – sono stati pubblicati sulla rivista scientifica American Journal of Industrial Medicine.

Importanti fattori di rischio per le malattie cardiovascolari

Com’è noto ipertensione e colesterolo alto sono due dei principali fattori di rischio per la salute del cuore. Scopri quando i valori della pressione sono alti 

La ricerca

I ricercatori hanno potuto analizzare un imponente numero di dati, scoprendo che il 25% dei lavoratori è stato esposto a livelli di rumore potenzialmente dannosi. Lo studio ha messo in luce che il 12% dei lavoratori ha riportato problemi all’udito, mentre il 24% soffre di pressione alta e il 28% alti livelli di colesterolo. Tra chi aveva problemi di udito, il 58% soffre di ipertensione e/o colesterolo proprio a causa del rumore eccessivo sul luogo di lavoro.

I controlli per i lavoratori 

È quindi importante che i lavoratori siano controllati regolarmente quando lavorano in luoghi molto rumorosi. Non solo quindi su eventuali danni all’udito, ma anche e soprattutto per ipertensione e colesterolo alto.

 

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE 

Troppo rumore nelle scuole danneggia lo studio dei bambini

Troppo rumore nelle città: quali i danni per la salute

Tv sempre accesa? Il rumore di sottofondo è dannoso per i bambini

Udito e calo dell’udito: tutto quello che c’è da sapere

  • vendita farmaci online
    vendita farmaci online
  • Chiedi un consulto di Medicina del lavoro



    Continua a leggere