Cattivo umore, nervosismo, difficoltà di concentrazione ti mettono a tappeto? L’arrivo della primavera non sempre riesce a farti sentire piena di vitalità. Può accadere che con l’aumento delle ore di luce e l’aumento della temperatura al contrario ci si senta più stanche e giù di tono. Colpa del cosiddetto “mal di primavera”, un malessere molto frequente che si manifesta con sbalzi d’umore, stanchezza, mancanza di concentrazione e altri piccoli disturbi passeggeri che possono rendere le giornate fiacche e prive di energia.

«Dipende- spiega la dottoressa Sonia Croci, biologa nutrizionista- dalle variazioni ormonali. Con l’aumento delle ore di luce, la melatonina viene prodotta in modo alterato e incide in modo significativo sul benessere psicofisico, causando fiacca, sonnolenza, calo di attenzione, malumore, senso di affaticamento, ecc.». Per contrastare gli effetti negativi del cambio di stagione e mettere a tappeto i piccoli disturbi che comporta anche la scelta dei cibi conta.

Per ritrovare la vitalità e stare alla larga da stanchezza e cattivo umore suggerisce l’esperta «non farti mancare a tavola alimenti ricchi di triptofano, un aminoacido precursore della serotonina, l’ormone del benessere che regola l’umore. Lo trovi in legumi, semi oleosi, cioccolato, ma anche cereali, verdure e ortaggi. Spazio anche a quelli che forniscono magnesio, un minerale prezioso per contrastare spossatezza e irritabilità: interviene in diverse funzioni tra queste l’eccitabilità delle cellule nervose e muscolari e la trasmissione sinaptica. E ancora quelli che assicurano tante vitamine in particolare quelli ricchi di vitamina C, che partecipa alla sintesi dei neurotrasmettitori e vitamine del gruppo B, super alleate del sistema nervoso».

Sfoglia la gallery e scopri i 10 cibi che non dovresti farti mancare a tavola per tirarti su e ricaricarti di energia a primavera.

LEGGI ANCHE

22 cibi brucia grassi (per dimagrire mangiando)

LEGGI ANCHE

20 alimenti che regolano gli ormoni



Continua a leggere