L’indirizzo scelto per presentarla al mondo sostiene gi la tesi che la mostra di “Heavenly Bodies”, la prossima organizzata del Costume Institute del Metropolitan Museum di New York, sar una delle pi apprezzate e seguite della lunga serie di eventi che l’istituto, fondato nel 1937 e dal 2014 dedicato, come monumento vivente, ad Anna Wintour, abbia mai proposto ai suoi appassionati.

La stessa Anna Wintour, insieme a Donatella Versace, che ha sponsorizzato la mostra, il direttore creativo di Valentino Pierpaolo Piccioli, in rappresentanza della citt e della sua lunga storia di couture, erano in prima fila ad ascoltare gli interventi nella magnifica Galleria Colonna, sotto le volte affrescate e circondati da quadri di Pinturicchio, Carracci, Guido Reni, Tintoretto, Salvator Rosa, Bronzino, Guercino, Veronese.
Aperta dal prossimo 10 maggio – e introdotta dallo sfavillante Met Gala del 7 – la mostra ha come titolo “Fashion and the Catholic Imagination” e racconter il legame fra moda e religione cattolica, fra lusso e sacralit, con un dialogo serrato fra oggetti di arte ecclesiastica e creazioni couture. Roma, ovviamente, di questo rapporto la capitale: il Vaticano, le sue centinaia di chiese, il Barocco, le statue di angeli, Madonne e santi a ogni angolo di strada. Il suo passato da centro focale della moda, ormai indebolito, ma dal potente ricordo.

Lo stesso palazzo Colonna era un tempo sede papale, casa di Oddone Colonna, poi papa Martino V, dal 1420 al 1431. Vi riecheggia la voce di Anita Ekberg in abito talare nella Dolce Vita di Fellini ( l’abito “pretino” delle Sorelle Fontana, che per realizzarlo chiesero il permesso al Vaticano).
La mostra, si diceva, sar un successo. Innanzitutto, per la sua spettacolarit culturale: mai come in questa “corpi celesti” la storia politica, economica, sociale e del costume stata concentrata e raccontata. La stessa mostra dedicata al Vaticano, “The Vatican Collections: The Papacy and Art”, del 1983, tuttora la terza pi visitata di sempre del Met. E se consideriamo che la settima e la quinta pi viste sono state organizzata dal Costume Institute – “Manus x Machina” del 2016 e “China: Through the Looking Glass” nel 2015 – ecco un altro sostegno alla teoria del successo.

Poi, sar una mostra estesa ben al di l delle mura del Costume Institute: interesser infatti 25 gallerie, cifra che la rende la pi grande mai organizzata dal Met. Una sezione sar allestita ai Cloisters, sede situata nel Fort Tyron Park sul fiume Hudson, zona nord di Manhattan, che raccoglie opere provenienti da cinque chiostri medievali europei. “L’idea di evocare l’esperienza di un pellegrinaggio”, ha detto il capo curatore dell’Institute, Andrew Bolton.
Infine, sar un successo perch, soprattutto negli Stati Uniti di puritano Dna, la religione che si trasforma in moda, con cantanti e artisti vari che la laicizzano, sempre attraente.

Madonna con Like a Virgin, Marilyn Manson con la sua versione di Personal Jesus, Beyonc come una madonna rinascimentale incinta dei suoi due gemelli, Lady Gaga come “Mother Monster”, il logo di Bon Jovi con il cuore trafitto.
Qualche notizia finale:
1) Sponsor principali della mostra sono i coniugi Schwarzman di New York. Lui, Stephen Allen, il fondatore e ceo di Blackstone. La moglie, Christine Hearst, gi moglie di Austin Hearst, nipote del tycoon Randolph Hearst, di religione cattolica, molto devota a papa Francesco. La loro sponsorizzazione, ha detto Schwarzman presentando la mostra, stata anche un omaggio a lui.

2) Fra gli abiti esposti nella galleria di arte bizantina e medievale, fra oggetti religiosi selezionati da Griffith Mann, curatore della sezione di arte medievale del museo, ci saranno abiti di Gianni Versace accanto a mosaici provenienti dalla basilica di san Vitale a Ravenna e creazioni di Dolce&Gabbana fra mosaici di Monreale, nella loro amata Sicilia.

3) Alcune opere prestate dal Vaticano, come le 40 opere dalla sagrestia della Cappella Sistina, non ne erano mai uscite prima. “Abbiamo negoziato per circa due anni il prestito con l’Ufficio per le celebrazioni liturgiche del sommo pontefice. Ci sono voluti otto viaggi in Vaticano”, ha detto Bolton.

4) Jean-Charles de Castelbajac ha vestito Giovanni Paolo II, con una casula ricamata da maison Lesage e indossata dal papa per la Giornata mondiale della Giovent del 1997 a Parigi.

5) Riccardo Tisci, ai tempi di Givenchy, ha vestito la statua della Madonna delle Grazie di Palagianello, la sua citt natale. E a Parigi, nella chiesa di Nostra Signora della Compassione. c’ una madonna vestita Yves Saint Laurent.

© Riproduzione riservata



Continua a leggere