Sono tante le donne che in età fertile  nel periodo che precede il ciclo ogni mese soffrono di malesseri riconducibili alla cosiddetta sindrome premestruale.

«Si tratta- spiega la dottoressa Beatrice Savioli, biologa nutrizionista-  di un insieme di alterazioni biologiche e psicologiche più o meno importanti che si manifestano con sintomi che possono presentarsi da soli o insieme come mal di testa, crampi, gonfiore addominale, tensione mammaria, gonfiore alle gambe, sbalzi d’umore, nervosismo ecc.

».

La natura però regala le “armi” per alleviare i malesseri e ridurre l’intensità dei disturbi. In che modo? Portando  a tavola i cibi giusti.

I cibi da preferire
«Alcuni alimenti possono influire sia sulle contrazioni da ciclo sia sulla stabilità umorale che sulla tensione muscolare.  Gli alimenti ricchi di vitamina B6 e acido folico come spinaci e altri tipi di verdure a foglia verde ad esempio favoriscono il rilassamento dei muscoli, quelli ricchi di magnesio come  cacao, semi di zucca favoriscono il rilassamento psicologico e il riposo notturno e aiutano ad affrontare con una marcia in più il senso di stanchezza che caratterizza i giorni precedenti al ciclo. Gli alimenti ricchi di triptofano come cereali integrali, legumi, patate, ricotta, semi di sesamo, semi di zucca, riso,banane,verdure a foglia verde, noci e mandorle, cacao o cioccolato fondente, avena aumentano la serotonina in circolo, indispensabile per tenere sotto controllo gli sbalzi d’umore. I cibi ricchi di acidi grassi Omega 3 come semi di lino, pesce azzurro, noci ecc. invece aiutano a tenere sotto controllo crampi e contrazioni uterine» suggerisce l’esperta.

Quelli da evitare
«Sono invece da evitare nei giorni precedenti al ciclo tutti gli alimenti che abbassano la presenza di serotonina, in particolare quelli ricchi di carboidrati raffinati come pane e pasta bianchi, il caffè. Da limitare anche i cibi che apportano quantità elevate di sodio. Questo minerale di cui sono ricchi insaccati, cibi affumicati, alimenti preconfezionati, favorisce il rallentamento linfatico e la ritenzione idrica» dice la nutrizionista Savioli.

Sfoglia la gallery e scopri i cibi suggeriti dall’esperta da evitare e quelli da preferire prima di quei giorni.

LEGGI ANCHE

I sintomi più comuni della Sindrome Premestruale

LEGGI ANCHE

Come cambia il ciclo mestruale: a 20, 30 e 40 anni



Continua a leggere