Padova, 12 febbraio 2018 – “Sabato 10 febbraio, a Vicenza, c’è stato lo “storico” presidio di Centopercentoanimalisti contro Hit Show, la fiera della caccia, della pesca e della morte. Da anni i militanti sono gli unici ad attivarsi ed aver ottenuto uno spazio in via Oreficeria per poter contestare questa vergogna, che è la maggior mostra – mercato di armi e accessori per torturare e uccidere animali”. E’ quanto riporta una nota dell’organizzazione padovana.

“Il campionario “umano” che passava davanti ai militanti è stato piuttosto squallido. I cacciatori, perlopiù anziani, passavano a testa bassa…. solo arrivati a una certa distanza, qualcuno aveva il coraggio di dire qualcosa o fare qualche gesto. Durante il presidio non sono mancati i lanci di carta igienica. Era presente al presidio una delegazione dell’associazione Animalista LO.T.T.A.“, si legge ancora nella nota del gruppo.

Dopo il presidio contro Hit Show di Vicenza, i militanti di Centopercentoanimalisti si sono riuniti con altri ospiti, tra cui l’avvocanto Marco Carrai, l’ex deputato Maurizio Saia, l’assessore al comune di Padova Micalizzi Andrea e il re dello spritz Chicco Contin, per una cena benefit al ristorante Da Giordano, a Padova. La cena è stata, ovviamente, esclusivamente Vegana. Il ricavato sarà devoluto a sostegno di Oasi che collaborano con Centopercentoanimalisti.
animali@quotidiano.net

 



Continua a leggere