Una delle ultime trovate di Ikea erano state le “pagine che si cucinano”. Delle speciali tovagliette sulle quali posizionare gli ingredienti da chiudere poi a fagotto e infilare in forno: una campagna ideata dall’agenzia canadese Leo Burnett, The Ikea Easy Recipe, per preparare ravioli, pesce, verdure con condimenti senza perdere troppo tempo. L’inchiostro, ovviamente, non era tossico. Adesso ne arriva un’altra, di provocazione. E riguarda le future mamme (e le future nascite).

LEGGI ANCHE

Italia-Svezia: l’Ikea ci ha risposto, e lo ha fatto in modo geniale

Si tratta di un annuncio pubblicitario pubblicato sulla rivista svedese Amelia che funziona anche da test di gravidanza. La divisione madre del gruppo – anche se la sede legale è nei Paesi Bassi – ha infatti diffuso un annuncio ideato dall’agenzia locale Åkestam Holst: «Urinare su questa pubblicità potrebbe cambiarti la vita». Sotto, l’immagine promuove un lettino per bambini utilizzabile anche come culla. Nel caso in cui il test incorporato nel magazine dia esito positivo, alle future madri è riservato un codice sconto da utilizzare per l’acquisto di nuovi mobili.

Come si spiegava, non è la prima volta che Ikea sforna idee originali o, magari, provocatorie. Ne ha fatto un elemento portante della propria comunicazione, anche sul fronte digitale. Come dimenticare la panchina per lo sfortunato ex ct della nazionale italiana Gian Piero Ventura dopo l’eliminazione dalle qualificazioni Mondiali proprio con la Svezia? «Per farci perdonare la panchina a Ventura la diamo noi» recitava il post diffuso lo scorso autunno, dopo il tragico match che ha lasciato gli Azzurri fuori dalla competizione russa. C’era stato più o meno nello stesso periodo lo spot che ironizzava sulla vendita del Salvator Mundi di Leonardo da Vinci da Christie’s, il quadro più pagato della storia, per promuovere le sue economiche cornici lo scorso novembre. O, ad aprile, l’esilarante risposta a Balenciaga, rea di essersi ispirata un po’ troppo per una sua nuova borsa alla mitica sacca blu Frakta del gigante scandinavo.

Ancora, lasciando da parte i cataloghi disponibili anche in realtà aumentata fin dal 2013 e spingendoci a qualche anno fa, ci sono le azioni fisiche ormai storiche come i treni delle metropolitane russe o giapponesi rivestiti con materiali e decori del colosso svedese (fin dal 2008), le stazioni del metro parigino arredate con i mobili del gruppo (nel 2012) o le prime mosse, anche in questo caso fin dalla fine del 2008, per inserire i propri pezzi nei videogiochi.

LEGGI ANCHE

Il Natale secondo IKEA (in 25 idee giocose per la casa)

Tornando all’ultimo annuncio, l’invito a effettuare l’economico test di gravidanza si sposa alla foto della culla Sundvik. Secondo quanto riporta Ad Week, la pagina è stata ideata e realizzata in collaborazione con Mercene Labs. E ovviamente il test funzionerebbe, o almeno così pare anche se non ha ricevuto alcuna validazione scientifico-sanitaria. Sarebbero stati effettuati dei test prima del via libera: «La striscia del test di gravidanza è stata utilizzata come punto di partenza: si basa su anticorpi che si legano all’ormone della gravidanza hCG, determinando un cambiamento di colore» ha spiegato l’agenzia.



Continua a leggere