Pallanuoto femminile, le migliori italiane della seconda fase di Coppa Italia. Gorlero guida Cosenza alla Final Four – OA Sport


La seconfa fase della Coppa Italia di pallanuoto femminile ha visto l’eliminazione di Padova assieme a Rapallo. La Final Four del 10 ed 11 febbraio (sede da stabilire) vedrà così sfidarsi Catania, Roma, Bogliasco e Cosenza. Andiamo a scoprire quali sono state le italiane che si sono messe in evidenza nei tre giorni di gare.

Giulia Gorlero (Cosenza): Con le sue parate ha portato le compagne di squadra ad un clamoroso successo in casa delle Campionesse d’Italia e detentrici del trofeo di Padova. La bassissima percentuale delle patavine in superiorità numerica (4/14) è merito suo e delle compagne.

Silvia Motta (Cosenza): Tre gol al Padova, due al Bogliasco. Due giorni da ricordare per la giocatrice delle calabresi, che praticamente firma le reti più importanti che hanno trascinato la squadre alla finale a quattro. Ora la aspettiamo in campionato, per far risalire la china anche lì al Cosenza.

Roberta Bianconi (Catania): Sette reti per marchiare il passaggio delle etnee all’ultimo atto. Sono sufficienti le prime quattro, al Rapallo, per strappare la qualificazione, poi contro Roma è pura accademia, con entrambe le squadre che avevano centrato l’obiettivo in anticipo.

Arianna Garibotti (Catania): A segno soltanto su rigore nel primo match, una volta ottenuto il pass per la Final Four, si scatena contro Roma siglando una tripletta che porta le compagne di squadra in vetta al girone. In virtù dell’eliminazione di Padova, ora il ruolo di favorite è tutto delle siciliane.

Agnese Cocchiere (Bogliasco): Nel doppio pareggio che spedisce le liguri alla fase finale della Coppa Italia c’è sempre il suo zampino. Un gol al Cosenza, due al Padova e così Bogliasco vola. Non un nome nuovo tra le migliori italiane della waterpolo femminile, toccherà a lei tenere alta la media gol anche in campionato.

Chiara Tabani (Roma): La doppietta siglata contro Rapallo, nella sfida che poi si rivelerà essere decisiva ai fini del passaggio del turno, contribuisce a scavare il solco decisivo con le liguri, incapaci poi di rientrare nel punteggio. Si rilassa contro Catania, ma l’obiettivo era ormai stato raggiunto.

Clicca qui per mettere “Mi piace” alla nostra pagina Facebook
Clicca qui per iscriverti al nostro gruppo
Clicca qui per seguirci su Twitter

Foto: Daniela Bolla

CLICCA QUI PER TUTTI GLI ARTICOLI SULLA PALLANUOTO

roberto.santangelo@oasport.it





Continua a leggere