MOLFETTACirca una settimana fa al centro sportivo “P. Tomaiuolo” a Manfredonia, le ragazze del calcio a 5 femminile della Macula Nox Molfetta vincevano la gara di andata dei quarti di finale di Coppa Puglia. Gara decisa non solo dalla buona prestazione di tutta squadra, ma anche dalla buona partita giocata dal portiere Stasi e dalla rete di Sollecito che ha deciso la gara per lo 0 – 1.

Al Palazzetto dello Sport “G. Poli” scendono in campo le due squadre dirette dal sig. Marco di Bello della sezione di Barletta.
Il primo tempo finisce sullo 0 – 0, anche se non mancano per le molfettesi occasioni per il tiro che, però, non vanno a buon fine (foto Cosmo de Pinto).
È, invece, il secondo tempo a regalare alle sipontine lo 0 – 1, nonostante la buona guardia fatta tra i pali dal numero 1 Narsete e dalla difesa di Mister Camporeale.

Il vantaggio delle biancocelesti porta nella panchina e nella metà campo biancorossa nervosismo, tanto da non concedere alle biancorosse di pareggiare il risultato per la qualificazione. Non mancano però tiri pericolosi da parte delle ragazze di Mister Camporeale, ma il portiere sipontino difende bene la sua porta.
Il secondo tempo, infatti, si conclude sullo 0 – 1.

Il risultato della gara, per le squadre si dovrà decidere ai supplementari.
Il primo tempo dei supplementari trascorre mantenendo l’equilibrio tra le due squadre.
Anche il secondo tempo non regala alla Makula l’esultanza della qualificazione, nonostante il buon tiro di Fracchiolla in conclusione che, però, viene parato, dal portiere sipontino confermando, ancora una volta, la buona prestazione di gara.

Saranno i rigori a decidere la qualificazione.
  Tre tiri per squadra che le biancocelesti non sbagliano, a differenza delle biancorosse che mandano fuori il secondo rigore, regalando le Final Four al Manfredonia che ha mostrato in molte occasioni spirito di squadra e tenacia, a differenza della Makula che per nervosismo ha lasciato che si sfilacciasse il tessuto di squadra, mettendo fine al sogno della Coppa Puglia.



Continua a leggere