Ottimisti, testardi, attaccati alla loro terra e alla famiglia: questo il profilo psicologico che li rende più ‘giovani’ dei loro figli

La longevità è anche una questione di carattere. Per campare cent’anni bisogna essere ottimisti, religiosi, instancabili lavoratori, attaccati alla propria terra e alla famiglia e pure un po’ testardi. Lo dimostrano i super anziani del Cilento, che superati i 90 anni continuano a godere di un benessere psichico superiore a quello dei loro figli. Lo hanno scoperto i ricercatori dell’università Sapienza di Roma, con uno studio pubblicato sulla rivista International Psychogeriatrics in collaborazione con l’Università della California a San Diego.

La novità

«Sono stati condotti molti studi sui grandi anziani, ma per la maggior parte si sono focalizzati sugli aspetti genetici, piuttosto che sulla personalità e la salute mentale», spiega Dilip V. Jeste, docente di psichiatria e neuroscienze all’Università della California. «Gli aspetti principali che sono emersi dal nostro studio, e che sembrano essere legati al benessere mentale di queste popolazioni rurali del Cilento, sono ottimismo, etica del lavoro, testardaggine e un forte attaccamento alla famiglia, alla religione e alla propria terra».

Il Cilento come laboratorio

I ricercatori lo hanno scoperto esaminando 29 anziani tra i 90 e i 101 anni, residenti in nove paesini del Cilento conosciuti da tutta la comunità scientifica internazionale per la loro particolare longevità. Ciascun nonnino è stato intervistato per avere un quadro dettagliato delle sue condizioni psico-fisiche e soprattutto per conoscere il suo mondo interiore, fatto di ricordi, religiosità ed esperienze personali. La ricerca è stata poi estesa anche ai familiari più giovani, per valutare la loro salute mentale e fisica e per conoscere le loro impressioni circa la personalità e il carattere dei loro anziani.

Con l’età aumenta la saggezza

Dai risultati è emerso che nonostante gli acciacchi e le malattie, i nonni del Cilento hanno un benessere mentale superiore a quello dei figli di età compresa fra i 51 e i 75 anni. «Questo paradosso dimostra ancora una volta che il benessere e la saggezza aumentano con l’età, nonostante il declino delle condizioni fisiche», afferma Dilip V. Jeste, docente di psichiatria e neuroscienze a San Diego.

L’amore per la propria terra

«Ciò che accomuna questi anziani è l’amore per la loro terra, in cui trovano un motivo per continuare a vivere», spiega la prima autrice dello studio, Anna Scelzo, dell’ASL4 Chiavarese. «Molti continuano a lavorare a casa o nei campi, e pensano “questa è la mia vita, non voglio arrendermi”».

Nonni tutto pepe

«Inoltre – continua Scelzo – abbiamo scoperto che queste persone tendono ad essere dominanti, testarde e hanno bisogno di avere un senso di controllo, un tratto che può rivelarsi positivo se permette di restare fedeli alle proprie idee senza farsi condizionare dagli altri. Questa tendenza a controllare l’ambiente evidenzia una certa determinazione che è bilanciata dalla necessità di adattarsi ai cambiamenti».

di Elisa Buson

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

Anziani italiani vivono a lungo, ma spesso sono malati

Freddo: anziani a rischio, attenzione a cadute e sbalzi di pressione

Hai 60 anni e vuoi un cervello giovane? Fai yoga

Anziani e farmaci: attenti ai “doppioni”

  • vendita farmaci online
    vendita farmaci online
  • Chiedi un consulto di Geriatria



    Continua a leggere