Si può curare il cyberbullismo?

[widget id=”text-16″]

Una pillola contro il cyberbullismo non esiste. Questo non significa che i bulli e le vittime di bullismo sul web non possano essere supportati e, in qualche modo, curati. Per farlo nel modo migliore è stato inaugurato, il 27 novembre, il Centro di Coordinamento Nazionale Cyberbullismo (CONACY). Il Centro è nato dall’impegno della Casa Pediatrica dell’Ospedale Fatebenefratelli Sacco di Milano, un punto di riferimento per la cura di casi di bullismo e di cyberbullismo.

Parola all’esperto

Come spiega l’esperto Luca Bernardo, direttore della Casa Pediatrica, il supporto che viene dato a questi ragazzi (vengono accolti sia i carnefici, sia le vittime) avviene su più fronti con psichiatri, neuropsichiatri, psicologi, pediatri e nutrizionisti. Il Conacy, che oltre a Milano ora coinvolge altri due poli (Roma e Ragusa), ha l’obiettivo di creare una rete nazionale con un punto di riferimento in ogni regione italiana. Ogni scuola potrà così segnalare i propri casi, che saranno gestiti in una logica di prossimità, senza costringere i giovani a viaggiare attraverso l’Italia per ricevere supporto.

TI POTREBBERO INTERESSARE ANCHE

Cyberbullismo: come viene “scelta” la vittima?

Tuo figlio digrigna i denti? Forse è stato vittima di bullismo

Cosa cambia con la nuova legge sul cyberbullismo

A 11 anni vittime di bullismo

L’articolo Si può curare il cyberbullismo? sembra essere il primo su Ok Salute e Benessere.

[widget id=”text-17″]

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *