Il Black Friday in Europa è stato un successo, ma l’Italia delude

[widget id=”text-16″]

Splio, software house internazionale specializzata nella Customer Experience, ha tracciato un bilancio dell’andamento del Black Friday in Europa, estrapolando i dati relativi a 300 retailer clienti della sua marketing platform relativamente al mese di novembre negli anni 2014, 2015, 2016 e 2017.

Nel 2014 solo il 17% dei retailer europei aveva incluso il Black Friday nel proprio calendario stagionale, nel 2015 il 30% e nel 2016 il 50%. I cinque settori più coinvolti sono abbigliamento fast fashion (34%), servizi e turismo (10%), cosmetica e benessere (l’8%).

I retailer europei hanno poi dato nuova vita al Black Friday e lo hanno trasformato in un weekend o persino in un’intera settimana di vendite online e offline. Nelle campagne di marketing i riferimenti al Black Friday eclissano il Cyber Monday (88% contro 12%). Inoltre, il 31% dei retailer che operano online utilizza il Black Friday come tattica di vendita e questo dimostra la digitalizzazione di un evento che in origine era destinato ai negozi fisici.

black friday

Le campagne di marketing, chiaramente, puntano a generare traffico sia online sia in store, con la promessa di offrire ai clienti una nuova esperienza, diversa da quella del più lungo periodo di saldi in arrivo a inizio 2018. Le campagne sono partite a pieno ritmo dal 20 novembre, una settimana prima del Black Friday e hanno registrato un buon tasso d’apertura (attorno al 27%), che dimostra l’interesse dei consumatori nei confronti di questo evento.

Secondo i dati di Splio il Black Friday non è stato vissuto in tutta Europa allo stesso modo. Se a guidare la classifica troviamo Francia e Spagna, dove gli esercenti hanno impostato con entusiasmo la comunicazione sul Black Friday, l’Italia è restata indietro, deludendo i pronostici. Il nostro Paese si è infatti rivelato al di sotto delle aspettative, con una divergenza tra le comunicazioni fatte e l’effettiva scarsità di vendite, anche a causa di alcuni scioperi.

Con la sua rapida crescita da one-day event a settimana di celebrazione, il Black Friday rappresenta una corsia preferenziale verso la transizione all’omnicommerce. Progettare campagne online e offline rappresenta infatti per i commercianti un’opportunità di business concreta, per accrescere il traffico sia online che in-store. In futuro potrebbe diventare una realtà consolidata, attraverso l’offerta di esperienze di shopping personalizzate per accrescere ulteriormente le vendite.

In Italia bisogna ancora lavorare sull’idea che il mese di novembre possa essere il momento perfetto per mostrare la brand strategy e offrire nuove esperienze d’acquisto. Un approccio che alcuni brand hanno già adottato, con la risposta positiva dei consumatori. È una grande opportunità, che combina shopping experience e brand discovery. Per avere successo bisogna infatti soddisfare la customer base con vendite esclusive e acquisire nuovi clienti attraverso Black Friday e Cyber Monday per ridurre gli stock. Tutto questo, naturalmente, senza dimenticare il ruolo dei social media.

[widget id=”text-17″]

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *