Longines Breeder’s Cup, l’eleganza delle corse californiane

[widget id=”text-16″]







Scommettere alle corse dei cavalli americane è un’attività complicata, richiede competenze, esclude improvvisazione, a meno non si voglia rimetterci coscientemente dei soldi. Per questo, con efficienza e tatto, Longines ha dato a noi e agli altri suoi ospiti dei Breeder’s Cup World Championships a Del Mar – vicino a San Diego in California – un elegante pieghevole di istruzioni per aspiranti scommettitori, con eloquenti spiegazioni su come puntare 1 dollaro in “Exacta”, “Trifecta” e “Superfecta” e le altre combinazioni possibili: le quali, tutte insieme, hanno portato le scommesse della due giorni di ippica californiana all’incredibile cifra record di oltre 166 milioni di dollari, quasi il 6 per cento in più rispetto al 2016.

Il brand Longines è Official Partner, Timekeeper and Watch della Breeder’s Cup, considerata da molti uno dei più importanti appuntamenti dell’ippica mondiale, giunto all’edizione numero 34. Due giorni di corse che culminano nella Breeder’s Cup Classic, per purosangue di varie categorie arrivati da ogni parte del mondo con i loro proprietari, allevatori, allenatori e fantini, con un montepremi, quest’anno, di 28 milioni di dollari, e 70mila spettatori nell’ippodromo di Del Mar sold out.

Cuore mondano della manifestazione è il Premio Longines per l’Eleganza consegnato da Juan-Carlos Capelli, vice presidente del marchio: in palio ambitissimi orologi ma anche una reputazione imperdibile per gli spettatori e le spettatrici che ambiscono alla coccarda sfilando sotto lo sguardo di una giuria quest’anno presieduta dalla madrina Bo Derek, 61 anni incredibilmente portati, nella doppia veste di attrice e amazzone esperta.

Non tutti e non tutte all’altezza degli standard italiani di eleganza, ma – come spiega Ashley Cline Cagle, giovane socialite e professionista fondatrice di EquestrianStylist.com, «queste corse portano in pista l’atmosfera beachy della California, rilassata, colorata». E ricca senza complessi.

[widget id=”text-17″]

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *