Sci, coppa del Mondo: fantastica Moelgg, terza.


L’Italia del gigante resta sul podio di coppa del Mondo e nella prima gara della stagione, a Soelden, piazza una grandissima Manuela Moelgg al terzo posto. Fuori le più attese Sofia Goggia e Marta Bassino (tutte e due dopo un errore nella prima manche), è stata la veterana azzurra a portare l’azzurro in alto. Il successo finale è della tedesca Viktoria Rebensburg (in 1’55”10), risalita dal terzo posto della prima manche, poi Tessa Worley (era sesta), che ha chiuso a 14/100 e infine la Moelgg che dopo il miglior tempo della prima discesa si è difesa e ha chiuso a 53/100. “Nella prima mi è venuto tutto facile ha commentato la Moelgg -. Nella seconda ci ho provato ma ho tribolato con le tracce della prima manche che si sentivano e non riuscivo ad appoggiare bene lo sci. Ma quando ho visto il 3° posto, e ho pensato che è arrivato a inizio di stagione, ero felicissima. Ora manca solo la squadra, la cosa di vedere che siamo di nuovo unite tutte insieme lì davanti”.

La Moelgg, al via per la prima volta a Soelden 15 anni fa, torna sul podio del gigante di apertura dopo 7 anni (anche in quell’occasione fu terza). Per la 34enne di San Vigilio di Marebbe è il 12° podio in carriera, il decimo in gigante. Resta già dal podio la Shiffrin, che nella prima manche era la più vicina alla Moelgg e alla fine quinta a 74/100 dietro anche all’austriaca Brunner, mentre sono uscite Tina Weirather (5a nella prima) e Melanie Meillard (era settima) a non chiudere la prova.

azzurre
Nella seconda manche sono risalite le altre azzurre: da Irene Curtoni (14a a 1”86), alla ventenne Laura Pirovano (19a a 2”36) al miglior piazzamento in carriera, a Elena Curtoni, non ancora al melgio ma alla fine 27a a 3”73. Soddisfatta la Pirovano: “Bellissimo, è la prima volta che mi sono guadagnata punti di Coppa. Pista fantastica, e poi c’erano gli amici e i miei, una giornata fantastica. Nella seconda manche la pista era più liscia, mi sono divertita di più. Torno con le sensazioni che volevo. La squadra? Ogni allenamento è una gara di Coppa del Mondo. Serve tantissimo”. Irene Curtoni: “Nella prima manche i parziali erano buoni, poi nel piano ho fatto un errore enorme che mi ha fatto perdere un secondo. Comunque continuo a fare gigante. Andare più forte si può, qualcosa arriverà. La sciata sta venendo, ho lavorato tanto e ho trovato feeling col materiale».

fuori
Le altre due stelle molto attese, Lara Gut e Lindsey Vonn, tornano a casa senza punti. La ticinese di ritorno dopo l’infortunio del febbraio scorso (si ruppe il crociato del ginocchio sinistro nel riscaldamento della combinata ai mondiali di St. Moritz) è uscita nello stesso tratto della Bassino, la Vonn, di ritorno a Soelden dopo 5 anni, non si è qualificata dopo il 34° tempo della prima manche (58”88, a 57/100 dal 30° posto che l’avrebbe qualificata).

Domani a Soelden è in programma il gigante maschile. La coppa del Mondo femminile tornerà in pista per lo slalom di Levi l’11 novembre.

 

© riproduzione riservata



Continua a leggere