La [grande] onda presso la costa di Kanagawa e le diverse versioni del monte Fuji. Sono le opere, appartenenti alla serie delle Trentasei vedute del monte Fuji, che vengono solitamente associate al nome Katsushika Hokusai (1760-1849), il maestro indiscusso dell’ukiyoe, le “immagini del Mondo Fluttuane”. In realtà, l’artista di Edo, l’attuale Tokyo, ha raffigurato una grande varietà di soggetti: oltre al paesaggio e alla natura anche gli animali, il ritratto, le beltà femminili, i guerrieri e le immagini di fantasmi, esseri e animali semileggendari.

Hokuai. Sulle orme del Maestro, la mostra che si tiene fino al 14 gennaio 2018 al Museo dell’Ara Pacis di Roma (Lungotevere in Augusta), racconta la sua carriera attraverso 200 opere tra silografie policrome e dipinti su rotolo. Nell’esposizione, promossa da Roma Capitale, Assessorato alla crescita culturale – Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali con il supporto dell’Ambasciata Giapponese e organizzata da MondoMostre Skira e Zètema Progetto Cultura, si dà spazio anche alla produzione di quegli artisti che, seguendo la via tracciata da Hokusai, hanno creato composizioni con i medesimi equilibri di colore caratteristici del tradizionale filone dell’ukiyoe. Primo tra tutti Keisan Eisen, apprezzato soprattutto per i suoi ritratti di beltà presi a modello anche da Vincent Van Gogh.

 

keisai-eisen_gioco-del-tokaido-con-cortigiane_1825

 

 

“Il punto di partenza di questa mostra è stato considerare la cultura come un bene comune” – ha spiegato la curatrice Rossella Menegazzo – “è importante mettere in evidenza il ruolo sociale dell’opera di Hokusai che ha realizzato anche opere e disegni per donne e bambini”.

“Vedere il Giappone con gli occhi di Hokusai significa mettersi in contatto con un mondo diverso dal nostro, portare lo sguardo verso est, verso quell’asse che sta diventando sempre più rilevante negli equilibri di questi anni”, ha aggiunto Luca Bergamo, Vice Sindaco di Roma Capitale con delega alla Crescita Culturale.

La mostra, che conclude le iniziative per i 150 anni delle relazioni tra Italia e Giappone, occasione per la quale MondoMostre ha organizzato nel paese del Sol Levante anche un’esposizione dedicata a Caravaggio e una ad Arcomboldo che ha visto mezzo milione di visitatori, si articola in cinque sezione: la prima dedicata alle mete da non perdere con il Monte Fuji e la Grande Onda, appunto; la beltà alla moda, tra cui la figura intera di cortigiana di Eisen ripresa più volte da Van Gogh e pubblicata anche sul Paris Illustré. Le Japon del 1° maggio 1886; la fortuna e il buon augurio; l’essenza della natura; i Manga e i manuali da imparare.

 

keisai-eisen_gioco-del-tokaido-con-cortigiane-cinquantatre-coppie-a-yoshiwara_1825

 

 

In particolare, i soggetti di beltà femminili (bijin) riguardano le cortigiane, le geishe, quelle donne legate al mondo dei quartieri di piacere, idealizzate e rese simbolo della moda, dell’eleganza e della seduzione dell’epoca Edo. Raffigurazioni viste invece con sospetto dal governo shogunale che vi leggeva lo specchio della crescente libertà e ricchezza della classe dei chonin, intenta a soddisfare le proprie esigenze di lusso e che, per questo, le censurò con le riforme degli anni Quaranta dell’Ottocento. Le protagoniste di questo mondo giapponese della seduzione, in particolare quello del quartiere Yoshiwara, appena fuori Edo, sono donne la cui bellezza è sottolineata dai tessuti e dai modelli di kimoni e obi, dalle acconciature con pettini e spilloni e dalle movenze sensuali evocate da ventagli e versi poetici. Questa produzione comprende anche le immagini erotiche (shunga) e quelle cosiddette “pericolose” (abunae) che lasciavano trasparire la scena amorosa, spesso di amanti clandestini, pur senza esplicitarne l’aspetto sessuale, com’era invece tipico delle stampe erotiche.


Orari: tutti i giorni, ore 9.30 – 19.30; 24 e 31 dicembre ore 9.30 – 14.00. Chiuso il 25 dicembre e il 1 gennaio.

Biglietti: solo mostra 11€ intero; 9€ ridotto + prevendita € 1. Gratuito per le categorie previste dalla tariffazione vigente






Continua a leggere